Seguici su

News

Ordine: “Jovic deve essere un diesel calcisticamente parlando, a piccoli passi verso il passato”

Luka Jovic

Il giornalista Franco Ordine sottolinea come Luka Jovic desideri tornare quello ammirato in Germania ma non è dato sapere se ci riuscirà.

Franco Ordine sul Corriere dello Sport si interroga sull’effettiva rinascita del serbo o meno. “Luka Jovic, 26 anni tra qualche settimana, serbo, calcisticamente dev’essere un diesel. Per caratteristiche fisiche in effetti ha bisogno di scaldare al meglio il motore dei suoi muscoli prima di cominciare a brillare. In una settimana ci sono tre passaggi tormentati che sembrano annunciare il sigillo finalmente guadagnato ieri sera a San Siro. Una settimana prima, contro la Fiorentina ebbe sul piede migliore, il sinistro, la palla per rompere il ghiaccio, gridare in faccia a San Siro la sua rinascita e invece il compasso di Terracciano gli vietò la gioia più grande. Martedì in Champions, partendo dalla panchina, nel finale avvilente della sfida col Borussia, scheggiò di testa il palo e sembrò quasi la conferma della maledizione annunciata dall’insulto muscolare capitato a Thiaw. Un passo alla volta, è il nuovo comandamento di Jovic”.

Luka Jovic
Luka Jovic

Mossa giusta?

“A piccoli passi verso il passato. Già perché è ormai da anni che Jovic rincorre lo splendore conosciuto prima a Belgrado con la Stella Rossa, poi in Germania con l’Eintracht Francoforte per poi finire all’improvviso dentro un tunnel buio, tra Madrid e Firenze. Eppure, a dare ascolto a Stefano Pioli, durante le prime esibizioni, poco confortanti, e le puntuali stroncature sui social, “è solo questione di tempo” che con una traduzione simultanea vuol dire il seguente concetto: è arrivato a Milanello da Firenze con le gomme sgonfie, abbiamo dovuto rimetterlo in sesto, fargli iniezioni di fiducia, e aspettare il tempo giusto. Che coincide anche con l’assist per il rotondo 3-0 firmato da Tomori, sempre di testa, sull’arcobaleno di Theo Hernandez. Sa fare gol e forse sa anche suggerirli. Per una sera, Jovic può tornare a casa senza alzare il bavero del cappotto uscendo da San Siro e magari benedire il fiuto del suo procuratore, Ramadani, che il 1 settembre decise di farlo partire per Milano senza aver la certezza di un possibile trasferimento”.


Leggi anche

Gerry Cardinale Gerry Cardinale
News4 ore ago

Pellegatti: “Gli americani a livello di organizzazione sono superiori, io sono curioso su Cardinale”

Il giornalista Carlo Pellegatti dà la sua interpretazione sulle dichiarazioni dell’italo-americano. Carlo Pellegatti a Radio Rossonera ha commentato le parole...

Giuseppe Sala Giuseppe Sala
News4 ore ago

Sala: “Il Milan mi ha risposto in maniera interlocutoria su San Siro, sono perplesso su San Donato”

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala manda messaggi chiari alle due società milanesi. Beppe Sala in un’intervista concessa a Libero...

Thiago Motta Thiago Motta
News9 ore ago

Il Bologna farà di tutto per trattenere Thiago Motta, il Milan osserva

L’allenatore dei rossoblù sta facendo benissimo in questa stagione ed è perciò finito nel mirino di diverse big: anche i...

Zlatan Ibrahimovic Zlatan Ibrahimovic
News9 ore ago

Capello: “Ibrahimovic sarà un riferimento a 360 gradi, non so se Pioli ne sarà felice”

L’ex allenatore Fabio Capello ha espresso il suo parere sulle mansioni del dirigente svedese dopo “l’incoronazione” di Cardinale. Fabio Capello...

Christian Pulisic Christian Pulisic
News9 ore ago

Calvarese: “Anche il linguaggio del corpo tradisce Di Bello, fa capire che avrebbe fischiato”

L’ex direttore di gara Giampaolo Calvarese ripercorre quanto accaduto ieri sera all’Olimpico. Giampaolo Calvarese tramite un video sul suo canale...

Matteo Gabbia Matteo Gabbia
News9 ore ago

L’incredibile trasformazione di Gabbia: il Milan ha una nuova colonna difensiva

L’ex Primavera era stato mandato a fare esperienza in Spagna salvo essere richiamato in fretta e furia per via dell’emergenza...

Leggi anche

Più letti