Seguici su

News

Cioffi va per la sua strada: “Feriti da quanto accaduto ma siamo penalizzati fortemente dalla squalifica”

Mike Maignan

Il tecnico friulano non cambia strategia comunicativa sui brutti episodi accaduti sabato scorso nel match contro i rossoneri.

Sono passati 7 giorni dai cori razzisti che poche persone nella curva dell’Udinese hanno rivolto all’indirizzo di Mike Maignan nel corso del primo tempo della partita contro il Milan. Le polemiche, inutile a dirsi, non si sono placate: l’Udinese ha identificato 4 persone e gli ha proibito per sempre di rimettere piede nello stadio. Il club friulano sta quindi collaborando attivamente per evitare che il problema si ripeta ma contemporaneamente ha fatto ricorso contro la decisione che prevede la disputa della prossima gara casalinga a porte chiuse.

Mike Maignan
Mike Maignan

Le ultime dichiarazioni

L’allenatore Gabriele Cioffi preferì parlare solo di calcio nell’immediato post partita e anche ieri ha difeso la sua scelta; ecco le sue parole nella conferenza stampa relativa ad Atalanta-Udinese. “Come società e squadra siamo rimasti tutti feriti da quanto accaduto a Maignan. Penso che la squalifica che è arrivata però sia pesante, in ottica di una città e una società che sono un’eccellenza per multiculturalità e multirazzialità. Se basta che cinque persone, non organizzate, urlino… domani siamo a Bergamo, bastano cinque persone allora che urlano e torniamo come prima. Se è una cosa organizzata va ammazzata, ma la società non c’entra nulla e sarà fortemente penalizzata contro il Monza. Io da anni, da quando alleno, mi confronto con culture diverse, il rispetto per la diversità è un mio principio di vita. Non ho bisogno di far vedere, perchè io faccio. Quanto detto dalla società a fine partita era più che sufficiente”.


Leggi anche

Leggi anche

Più letti