Seguici su

News

Bennacer: “Non ci ho pensato troppo quando chiamò il Milan, ho festeggiato tantissimo lo Scudetto”

esultanza gol Ismael Bennacer

Il centrocampista del Milan Ismael Bennacer ha rivelato alcuni aneddoti della sua vita.

Ismael Bennacer si è raccontato ai canali ufficiali del Milan: “Arles è dove tutto è cominciato, dove tutto è iniziato, dove sono nato, dove ho toccato i miei primi palloni. Qui ho fatto quasi tutto fino ai 17 anni, nel mio quartiere. Il pallone lo portavo ovunque, veramente: il pallone lo portavo ovunque. A scuola con la mia classe facevo calcio e quindi facevo allenamento con loro; poi facevo allenamento con la squadra ad Arles; dopo tutto quello giocavo a futsal con la gente che vive nel quartiere. Facevo tre allenamenti. Sapevo che se lavoravo più degli altri, era normale che avrei avuto qualcosa di più”.

Sullo svedese

“Mai visto un leader così. Abbiamo una relazione un po’ speciale perché mi fa imparare tantissimo: Zlatan lo vedo come un grande fratello, mi consiglia e quando gli scrivo un messaggio è sempre disponibile”.

L’arrivo al Milan

“Quando il Milan mi ha chiamato, non ci ho pensato troppo. Sapevo che loro mi volevano tanto. Penso che il Milan fosse la squadra perfetta per me per lavorare bene. Il talento è qualcosa che puoi avere ma è il lavoro che ti fa diventare la persona e il giocatore che vuoi essere. Qualche volta quando sono sul campo di allenamento mi guardo il logo sul petto e mi dico: ‘Ma io gioco per il Milan’. Poi penso a dov’ero, da a dove vengo: e quando pensi a queste cose vuoi fare sempre di più”.

La vittoria dello Scudetto

“Fino al Sassuolo ero normale ma poi quando lo abbiamo vinto è stata un’altra cosa: era incredibile da vivere con i tifosi. Ero molto contento per loro e di avergli fatto questo regalo, di aver scritto la storia per questa società. Ho festeggiato tantissimo”.

Alte speranze

“Personalmente il Pallone d’Oro: è la cosa più prestigiosa nel calcio. Mi metto questo obiettivo nella testa, così non avrò rimorsi: devo fare tutto per averlo e devo lavorare tantissimo. Vincerlo significherebbe tante cose: aver fatto bene con la tua squadra e con la nazionale”


Leggi anche

Gerry Cardinale Gerry Cardinale
News2 ore ago

Pellegatti: “Gli americani a livello di organizzazione sono superiori, io sono curioso su Cardinale”

Il giornalista Carlo Pellegatti dà la sua interpretazione sulle dichiarazioni dell’italo-americano. Carlo Pellegatti a Radio Rossonera ha commentato le parole...

Giuseppe Sala Giuseppe Sala
News3 ore ago

Sala: “Il Milan mi ha risposto in maniera interlocutoria su San Siro, sono perplesso su San Donato”

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala manda messaggi chiari alle due società milanesi. Beppe Sala in un’intervista concessa a Libero...

Thiago Motta Thiago Motta
News7 ore ago

Il Bologna farà di tutto per trattenere Thiago Motta, il Milan osserva

L’allenatore dei rossoblù sta facendo benissimo in questa stagione ed è perciò finito nel mirino di diverse big: anche i...

Zlatan Ibrahimovic Zlatan Ibrahimovic
News7 ore ago

Capello: “Ibrahimovic sarà un riferimento a 360 gradi, non so se Pioli ne sarà felice”

L’ex allenatore Fabio Capello ha espresso il suo parere sulle mansioni del dirigente svedese dopo “l’incoronazione” di Cardinale. Fabio Capello...

Christian Pulisic Christian Pulisic
News7 ore ago

Calvarese: “Anche il linguaggio del corpo tradisce Di Bello, fa capire che avrebbe fischiato”

L’ex direttore di gara Giampaolo Calvarese ripercorre quanto accaduto ieri sera all’Olimpico. Giampaolo Calvarese tramite un video sul suo canale...

Matteo Gabbia Matteo Gabbia
News8 ore ago

L’incredibile trasformazione di Gabbia: il Milan ha una nuova colonna difensiva

L’ex Primavera era stato mandato a fare esperienza in Spagna salvo essere richiamato in fretta e furia per via dell’emergenza...

Leggi anche

Più letti