Da Bennacer e Calhanoglu, da Calabria al solito Ibrahimovic: Pioli schiera il Milan migliore per provare a rialzare subito la testa.

Stefano Pioli riparte dalle certezze, dai suoi fedelissimi. In attesa di Rebic (il croato non ha ancora i novanta minuti nelle gambe), il tecnico rossonero può contare su giocatori come Bennacer, Kessié, Calhanoglu e Ibrahimovic, che proveranno a prendere per mano il Milan contro l’Hellas Verona dopo il brutto tonfo di giovedì in Europa League.

Donnarumma e Romagnoli
Nella foto: Gianluigi Donnarumma-Alessio Romagnoli

Spazio pure a Leao e Saelemaekers, i due esterni titolari nel 4-2-3-1 di Pioli (aspettando, come detto, il rientro a pieno regime di Rebic). Torna anche Davide Calabria, uno dei migliori in questa prima parte di stagione. E poi Donnarumma (che deve farsi perdonare l’errore commesso con il Lille), Simon Kjaer e… Alessio Romagnoli. Il capitano non è ancora al 100% e ha commesso diversi errori nelle ultime partite, ma Pioli non ha dubbi sulle sue qualità. L’allenatore milanista, dunque, si aspetta una reazione da grande squadra dopo la recente sconfitta e si affida ai suoi leader per provare a rialzare subito la testa.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Milanello

ultimo aggiornamento: 08-11-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Milan, il costo di Kabak è destinato a scendere

Milan, in panchina l’arma Rebic