“La Nazionale è importante, è il sogno di ogni bambino che ama il calcio”, ha dichiarato il giovane rossonero Sandro Tonali.

Sandro Tonali ha rilasciato alcune dichiarazioni ai canali ufficiali della Nazionale italiana: “Avevo cinque anni quando ho iniziato a giocare nell’oratorio del mio paese. È durata poco quell’esperienza perché ho passato un anno insieme a mio fratello, poi sono andato nella Lombardia 1. È stato davvero veloce il passaggio dal mio paese a Milano. Le giovani mi hanno aiutato molto a crescere, soprattutto quando ho iniziato a giocare nel Brescia in Serie B. È stata una grossa mano a livello internazionale per me stesso e per il Brescia. Ora ho imparato a giocare con i grandi del calcio”.

Sandro Tonali
Sandro Tonali

La prima convocazione in Nazionale me la ricordo bene – ha affermato il centrocampista rossonero – è stato un momento emozionante. Il 15 novembre ho debuttato per la prima volta. Impossibile dimenticarselo. Per me l’Italia significa molto, è il sogno di qualsiasi bambino che ama il calcio, che ama la Nazionale e che spera un giorno di indossare questa maglia. È la cosa più bella che esiste nel calcio. Futuro? Preferisco pensare anno dopo anno, ma ho le idee chiare”.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-11-2021


Clamoroso Mazzola: “Milan fuori dalla lotta Scudetto”

Milanello: Junior Messias ha lavorato in gruppo