Il giocatore marocchino ha elogiato il club rossonero: “Se fosse rimasto Seedorf probabilmente la storia sarebbe stata diversa”, ha dichiarato Taarabt.

“Quando penso all’Italia, penso al Milan”. Intervistato da Sky Sport, Adel Taarabt ha speso parole d’elogio per la società rossonera. “È un top club, ho avuto la possibilità di giocare con grandissimi calciatori come Kakà. È stato un piacere, mi sono divertito tanto e penso di aver fatto bene”.

Inzaghi Baresi Boateng Kakà Donadoni Shevchenko Fabio Capello Lega Serie A Van Basten Pobega Braida Thiago Silva Matteo Gabbia Milan-Torino Lucas Biglia Braida Inter-Milan Berlusconi Daniel Maldini Musacchio Berlusconi Matías Viña Kobe Bryant Florentino Luis Bennacer Matty Cash Antonee Robinson Caldara Scamacca Becir Omeragic Atalanta-Milan Rebic serginho Paquetà Castrovilli Milan-Sassuolo Caldara Milanello tifosi Milan Ricardo Rodriguez Todibo Xhaka Paquetà maglia Milan Ibrahimovic

Taarabt non ha mai nascosto il suo amore per il Milan. Fosse stato per lui, non sarebbe andato via: “Mi è dispiaciuto molto non continuare la mia avventura in rossonero perché la mia testa era ancora lì. Se fosse rimasto Seedorf probabilmente la storia sarebbe stata diversa, ma poi hanno preso Inzaghi che aveva un’idea di calcio diversa. Negli anni successivi non ci sono state possibilità di tornare anche se mi sarebbe piaciuto”.

Il calciatore marocchino disputò un buon girone di ritorno con il Milan nella stagione 2013-2014, mettendo a referto sedici presenze complessive tra Serie A e Champions League, impreziosite da quattro gol (tutti in campionato). Alla fine, però, la società milanista decise di non riscattarlo, con Taarabt che fece ritorno al Queens Park Rangers prima di trasferirsi al Benfica.

TAG:
Adel Taarabt

ultimo aggiornamento: 14-08-2020


Ufficiale: preso il giovane Roback dall’Hammarby

Bollettino Coronavirus: 252.809 casi totali, 35.234 morti, 203.326 guariti