“Lo sport ha un valore economico e sociale, sappiamo di dover riaprire”, ha dichiarato il ministro Vincenzo Spadafora al Senato.

“Oggi alle 12 incontrerò la FIGC e il calcio italiano, tutto questo lavoro ci permetterà di valutare prima del 4 maggio se saremo in grado di riaprire e cosa, ma sappiamo di dover riaprire perché lo sport ha un valore economico e sociale, ma nel rispetto assoluto della salute”. Lo ha dichiarato il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, rispondendo al question time al Senato.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

“Gradualmente – ha aggiunto – potremo pensare di riaprire la parte relativa agli allenamenti, mentre per i campionati e l’attività motoria all’aperto tanto cara ai nostri cittadini valuteremo con il comitato scientifico e Protezione Civile, sapendo che la ripresa va spinta ma anche tutelata dal punto di vista della salute. Ho inviato nei giorni scorsi al CONI e al CIP una lettera per chiedere che tutte le federazioni esprimano in che modo possono applicare dei protocolli per riprendere in sicurezza. Venerdì riceverò gli esiti di questo lavoro”.

Per quanto riguarda il bonus collaboratori, ecco le parole di Spadafora: “Sono convinto che nel decreto che ci apprestiamo ad approvare al consiglio dei ministri troveremo ulteriori risorse per consentire che il bonus lo abbiano non solo i collaboratori sportivi che già ne hanno fatto richiesta per marzo, e che possa essere esteso a tutti i collaboratori sportivi anche per il mese di aprile”.

TAG:
Vincenzo Spadafora

ultimo aggiornamento: 22-04-2020


Materazzi: “Ibrahimovic? Mi porta rancore. Si sente Dio”

Ibra, la decisione sul futuro a fine stagione