Ecco la posizione dei ministri Spadafora e Speranza, quindi del Governo italiano, sul calcio, o meglio, sulla ripresa degli allenamenti collettivi.

I ministri dello Sport, Vincenzo Spadafora, e della Salute, Roberto Speranza, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in merito alla ripresa degli allenamenti collettivi e alla situazione legata al calcio: “Il parere richiesto dal Governo sul protocollo presentato dalla FIGC è stato espresso oggi dal Comitato Tecnico Scientifico e conferma la linea della prudenza sinora seguita dai ministeri competenti”.  

Milanello Cellino
Nella foto: il centro sportivo Milanello

“Le indicazioni del Comitato – proseguono i due Ministri – che sono da considerarsi stringenti e vincolanti, saranno trasmesse alla Federazione per i doverosi adeguamenti del Protocollo in modo da consentire la ripresa in sicurezza degli allenamenti di squadra a partire dal 18 maggio“. Questa, dunque, la posizione del Governo italiano sul calcio, o meglio, sulla ripresa degli allenamenti collettivi, fondamentali per poter riprendere i campionati di Serie A e B. Siamo a un punto cruciale: i giocatori stanno lavorando ormai da giorni nei centri sportivi dei rispettivi club, ma solo in modo individuale. Come detto, per poter ripartire sono necessarie le sedute di gruppo. In attesa di novità, le squadre proseguono il loro lavoro con ottimismo e voglia di tornare in campo.

TAG:
Roberto Speranza Vincenzo Spadafora

ultimo aggiornamento: 11-05-2020


Bollettino Coronavirus: 219.814 casi totali, 30.739 morti, 106.587 guariti

Berlusconi: “Ripresa calcio? Non è un tema urgente”