È il giorno dei sorteggi della fase a gruppo della Champions League. Il Milan conoscerà quindi le avversarie dell’edizione 2021-22.

Amici di NotizieMilan.it, è il giorno dei sorteggi della fase a gironi di Champions League, un momento che il Milan aspettava da otto lunghissimi anni. Il club rossonero, a causa dei risultati ottenuti nelle ultime stagioni, è scivolato in ultima fascia e, con ogni probabilità, si troverà di fronte avversari di grandissimo spessore, ma poco importa: Ibra e compagni se la giocheranno con tutti.

Le squadre saranno divise in quattro fasce: nella prima ci sono i campioni in carica, la vincitrice dell’ultima edizione della UEFA Europa League e i vincitori dei sei campionati più in alto nel ranking. L’appartenenza alla seconda, terza e quarta fascia è determinata dal ranking. Le squadre della stessa nazione non possono affrontarsi nella fase a gironi.

Champions League 2021-22: le quattro fasce

  • FASCIA 1: Chelsea, Villarreal, Atletico Madrid, Manchester City, Bayern Monaco, Inter, Lille, Sporting Lisbona.
  • FASCIA 2: Real Madrid, Barcellona, Juventus, Manchester United, Psg, Liverpool, Siviglia, Borussia Dortmund.
  • FASCIA 3: Porto, Ajax, Lipsia, Atalanta, Zenit San Pietroburgo, Benfica, Shakhat, Salisburgo.
  • FASCIA 4: Milan, Bruges, Young Boys, Malmö, Wolfsburg, Besiktas, Dinamo Kiev, Sheriff Tiraspol.

I gironi della Champions League

GRUPPO A:

  • Manchester City
  • Paris Saint-Germain
  • Lipsia
  • Brugge

GRUPPO B:

  • Atletico Madrid
  • Liverpool
  • Porto
  • Milan

GRUPPO C:

  • Sporting Lisbona
  • Borussia Dortmund
  • Ajax
  • Besiktas

GRUPPO D:

  • Inter
  • Real Madrid
  • Shakhtar Donetsk
  • Sheriff

GRUPPO E:

  • Bayern Monaco
  • Barcellona
  • Benfica
  • Dinamo Kiev

GRUPPO F:

  • Villarreal
  • Manchester United
  • Atalanta
  • Young Boys

GRUPPO G:

  • Lille
  • Siviglia
  • Salisburgo
  • Wolfsburg

GRUPPO H:

  • Chelsea
  • Juventus
  • Zenit Sanpietroburgo
  • Malmo

ultimo aggiornamento: 26-08-2021


Milanello: Kessie e Ibra tornano dopo la sosta

Mercato Milan, il punto di Carlo Pellegatti