Intervenuto nel corso del Festival del giornalismo Glocal 2020, Beppe Marotta ha parlato della situazione del calcio in seguito all’impatto del coronavirus.

L’a.d. dell’Inter Beppe Marotta è intervenuto nel corso del Festival del giornalismo Glocal 2020, parlando dell’impatto del Covid sul mondo del calcio.

Nicchi Conte Albertini Infantino Coronavirus Serie A coronavirus Milan-Genoa Pradè Calhanoglu Commisso Lega Serie A Ante Rebic diego laxalt Rebic Paquetà ricardo rodriguez Rebic Stefano Pioli Kessié nuovo San Siro Milan-Sassuolo

A tal proposito ha dichiarato: “La nostra situazione, quella del calcio italiano, è devastante e rischia il collasso. Siamo davanti al default. Nelle prime riunioni con la Lega, con Deloitte, abbiamo fatto un bilancio sulle perdite e la situazione non è buona. Il problema è che oggi, nel calcio, il costo del lavoro è sproporzionato rispetto al fatturato che si faceva e che si fa. Tutto è diminuito moltissimo vista l’assenza dei ricavi da botteghino, che pesano sul bilancio per circa 50 milioni. I ricavi da sponsor, invece, incidono per un 20% sul bilancio, poi ci sono investimenti, diritti tv. Insomma, diverse cose”.

Ha quindi proseguito: “Il rimedio non è chiedere soldi allo Stato, è impensabile. Ma il nostro sistema paga ogni anno 1/1,2 miliardi di gettito fiscale contribuito, ormai poco evidenziato. Quello che vorremmo è avere almeno un differimento della tassazione: vogliamo essere considerati come uno dei maggiori contribuenti, cosa che in realtà siamo. Gestiamo un mondo che, al suo interno, ha almeno 7 mila professionisti. Calciatori, staff, è un mondo imprenditoriale. Solo l’Inter ha 300 dipendenti. Dobbiamo essere più considerati dal Governo, non in termini di contribuzione di soldi o finanziamenti ma per permetterci di modulare i pagamenti in modo differente”.

In merito alla riduzione dei costi, Marotta ha aggiunto: “Resta l’unico rimedio. Non dobbiamo pensare ad aumentare i ricavi, ma a ridurre i costi. Il costo del lavoro rappresenta il 70% del fatturato e non c’è azienda in nessun settore che può reggere un valore così alto. A meno che non si trovi un mecenate o un indebitamento, significa fallire. O ci si trova tutti insieme e si prendono decisioni univoche, oppure siamo davanti a situazione drammatica dal punto di vista economico-finanziario. Oggi bisogna far fronte agli stipendi”.

ultimo aggiornamento: 13-11-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Milan, Zlatan Ibrahimovic: niente Pallone d’Oro svedese?

Maldini: “Milan di nuovo in alto? Come tutte le magie c’è un segreto”