Lo svedese va a segno in campionato da sei partite consecutive, come Shevchenko nel 2001 e lui stesso nel 2012. Un Ibrahimovic incredibile.

“L’età è solo un numero”, ha più volte ribadito Ibrahimovic. Ma i numeri sono importanti, soprattutto nel calcio, perché aiutano a capire l’importanza (o meno) di un giocatore. Zlatan, ad esempio, va oltre le statistiche: è un fattore sempre e comunque. Contro l’Udinese, ad esempio, ha messo a referto il settimo gol in Serie A. Una rete da tre punti, l’ennesima di questa sua seconda esperienza in rossonero

Zlatan Ibrahimovic
Nella foto: Zlatan Ibrahimovic

Ibrahimovic è andato a segno per la sesta gara consecutiva in campionato, eguagliando il record di Shevchenko del 2001 e il suo del 2012. Insomma, lo svedese sta riuscendo a fare meglio di se stesso (da giovane). Da quando è tornato al Milan ha preso parte a 23 gol in 22 partite, segnando 17 reti in A e fornendo 6 assist. Ma non era bollito?

Milanello

ultimo aggiornamento: 02-11-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Kessié, un’altra prestazione “presidenziale”

“Non ci si vede da tempo”. Ibra torna in Nazionale?