Dietrofront del patron del Brescia: “Mi adeguo alla maggioranza, si deve giocare altrimenti falliscono tutti”, ha dichiarato Massimo Cellino.

Massimo Cellino ha cambiato idea. Dopo aver chiesti a gran vice l’interruzione definitiva del campionato, minacciando anche di ritirare la squadra, il presidente del Brescia è tornato sui suoi passi: “Ho cambiato idea – ha dichiarato ai microfoni di repubblica.it – mi adeguo alla maggioranza. Bisogna tentare di riprendere il campionato altrimenti qui falliscono tutti. Certo, in Lombardia è ancora complicato fare i test medici, ma se si gioca io resto al Rigamonti, nessun campo neutro”.

Patrick Cutrone

Queste, invece, le dichiarazioni dell’ex attaccante del Milan – oggi in forza alla Fiorentina – Patrick Cutrone, il quale ha risposto ad alcune domande tramite il sito ufficiale della squadra viola: “Fortunatamente adesso sto bene – ha affermato – dopo aver passato un periodo abbastanza duro. Da quando sono guarito mi sto allenando ogni giorno per mantenermi in forma. Il mio rapporto col calcio? Fin da bambino ho avuto sempre e solo il sogno di diventare un calciatore, col duro lavoro e i sacrifici ce l’ho fatta anche se ho ancora tantissimi sogni nel cassetto e spero col tempo di realizzarli. Il giorno del mio esordio con la Fiorentina è stato emozionante: lo stadio era pieno e i tifosi si facevano sentire fin dal primo minuto. Sarebbe stato ancora già bello se quel gol di tacco fosse entrato anche perché sarebbe stata una rete sotto la curva Fiesole. Il rapporto coi compagni? Vado d’accordo con tutti, in particolare con Dragowski, Ceccherini, Chiesa e tanti altri. Siamo un gruppo bello e compatto e ci sosteniamo sempre”.

TAG:
Massimo Cellino Patrick Cutrone

ultimo aggiornamento: 10-05-2020


Bollettino Coronavirus: 219.070 casi totali, 30.560 morti, 105.186 guariti

Milan, Maldini e quella incompatibilità con Rangnick