Ecco le dichiarazioni rilasciate dal tecnico Stefano Pioli al fischio finale di Udinese-Milan, gara vinta per 2-1 dai rossoneri.

Nel dopo-partita di Udinese-Milan, mister Stefano Pioli si è fermato ai microfoni di DAZN. “Una partita difficile, i miei ragazzi sono stati forti come spirito e volontà e alla fine sono riusciti a vincere. Sono soddisfatto, la crescita passa anche attraverso queste partite. L’Udinese faceva tanta densità in mezzo al campo e ripartiva bene. Vincere una gara del genere significa fare uno step importante anche a livello mentale. Abbiamo cercato di essere sempre offensivi”.

“Se riuscissimo ad allenarci un po’ di più il livello si alzerebbe ancora di più – ha aggiunto il tecnico rossonero – con la società abbiamo deciso di migliorare l’organico con giovani di prospettiva che potevano alzare il livello. Sono contento di Diaz, Dalot e Tonali e di chi viene chiamato in causa. Non abbiamo ancora fatto niente, anche la partita di oggi ci dice che possiamo migliorare. Mi dispiace chi sta soffrendo le mie scelte e sta giocando meno”.

Stefano Pioli
Nella foto: Stefano Pioli

Una considerazione anche sulla crescita (evidente) di Tonali: “Sento che la squadra ha lo spirito giusto, sanno che dovranno passare attraverso le difficoltà ma sanno di avere le qualità per risolvere le partite. Basiamo su questo la nostra crescita. Sandro sta facendo bene, anche oggi è entrato bene. Ha tutto, è intelligente, ha gamba, un passaggio veloce e verticale, deve avere più intensità dal punto di vista mentale. Deve abituarsi al centrocampo a due, è un ragazzo fantastico, attento, volenteroso e disponibile”.

“Io so che sto allenando una squadra forte – ha affermato Pioli l’ho detto ai ragazzi a fine primo tempo. Siamo una squadra giovane ma per me non siamo secondi a nessuno. Siamo ancora all’inizio, l’anno scorso siamo arrivati sesti e le squadre che ci hanno preceduto sono forti. Il nostro obiettivo è migliorare la posizione dell’anno scorso e andare avanti in Europa League. Dobbiamo fare un passo alla volta”.

L’allenatore milanista, dunque, preferisce non scoprirsi. Ibrahimovic, invece, ha parlato di Scudetto: “Zlatan può dire quello che vuole, sa benissimo quanto è importante per la crescita di questa squadra e che il percorso è lungo e difficile. Pensiamo una partita alla volta e a superare queste sfide difficili”.

ultimo aggiornamento: 01-11-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ibrahimovic: “Questi ragazzi hanno voglia. Pressione? Ci penso io”

Ibrahimovic a Maldini: “Firmo un altro anno o non gioco più”