Una rete di Theo Hernandez allo scadere regala tre punti preziosi al Milan, che passerà il Natale in vetta alla classifica.

Serie A, Milan-Lazio 3-2: più forti delle assenze, della sfortuna, di un arbitraggio che definire discutibile è un eufemismo. I rossoneri hanno un cuore grande così. Un unico grande cuore che li porta a non mollare mai, anche quando le cose si mettono male. Una squadra che ha la faccia (bellissima!) di Theo Hernandez, autentico trascinatore, fuoriclasse puro.

Ante Rebic
Nella foto: Ante Rebic

Il Milan approccia benissimo la partita e stordisce la Lazio con i gol di Rebic e Calhanoglu (su rigore). Ma ci pensa Di Bello, “distratto” arbitro di serata, a rimettere in carreggiata i biancocelesti inventandosi letteralmente un penalty per un presunto fallo (che fallo non è… mai!) di Kalulu. Gli ospiti prendono in mano le redini del match, ma non creano particolari problemi a Donnarumma, che tra l’altro aveva disinnescato il tiro dal dischetto di Immobile (la rete dell’1-2 la segna Luis Alberto su tap-in).

Lazio che trova il pareggio nella ripresa proprio con Immobile, certificando così una evidente crescita durante la gara. Ma il Milan, questo Milan, non molla un millimetro. E così, nel finale sale in cattedra Hernandez, che prende per mano la squadra. Rebic spreca due palle-gol nel giro di pochi minuti (sulla prima è bravo Reina), ma Theo non ci sta e si mette in proprio: calcio d’angolo al 92esimo, cross in mezzo e colpo di testa vincente del francese, che regala tre punti preziosi ai rossoneri e un Natale fantastico ai tifosi milanisti. Chapeau!

ultimo aggiornamento: 23-12-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Theo Hernandez a DAZN: “Lavoro ogni giorno per diventare il miglior terzino al mondo”

Milan-Lazio, Inzaghi: “Risultato bugiardo”