Le parole dell’allenatore rossonero in vista della partita di campionato contro la Juventus.

Serie A, Milan-Juventus: alla vigilia del match in programma a San Siro, valido per la 16esima giornata di campionato, mister Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sulla partita contro la Juve: “Mi aspetto una Juventus in crescita che senza dubbio ha dovuto cominciare un nuovo percorso. Ci sta perdere qualcosina, ma rimane una squadra molto forte, difficile da prendere in tante situazioni di gioco. Sarà una partita da affrontare molto lucidamente dal punto di vista tattico”.

Sulla stato di forma della squadra: “Il dato che mi piace di più? Sono tanti che testimoniano il nostro lavoro, ma non deve farci cambiare il nostro obiettivo. Domani giochiamo contro la Juventus e proveremo a vincere”.

Su Milan-Juventus: “Milan-Juventus rimane Milan-Juventus per la storia, per il blasone dei due club e per le tifoserie. È una partita importante e lo sappiamo. La nostra è una maratona, e dunque non possiamo pensare di fare solo uno scatto. Non è una partita decisiva, ma sarà una partita importante. Stiamo bene, vogliamo fare bene e vogliamo cercare di vincere”.

Su Ibrahimovic: “Ho rimproverato Ibra per le immagini che ha messo, perché dopo mi avete tempestato di messaggi. Sta meglio, ma non farà parte della partita di domani”.

Su Rafael Leao: “Sta crescendo tanto, ha caratteristiche che dobbiamo cercare di valorizzare nella maniera giusta. L’importante è vedere la volontà di crescere e di migliorare giorno dopo giorno”.

Sul campionato: “Se è cambiato qualcosa? Per noi è cambiato, perché abbiamo fatto 17 punti in più rispetto alla scorsa stagione. Ma ripeto, credo che non sia giusto alla 15esima giornata parlare della partita della svolta, perché affrontiamo tutte le partite con lo stesso spirito. Di sicuro è una sfida importante”.

Uomo copertina: “La cosa che mi gratifica di più è certamente quello che pensano il club e i giocatori. Cerco di essere molto equilibrato, ma ho grande motivazione per fare sempre meglio. Siamo molto giovani, siamo tutti concentrati per fare ancora meglio. Sappiamo che nel calcio poi le cose possono cambiare in fretta”. 

Firmerebbe per un pareggio? “Se approcci la partita per pareggiare, vuole dire rischiare seriamente di perdere. Domani dobbiamo cercare di giocare al meglio delle nostre possibilità. Vogliamo provare a vincere anche domani. Io sono contento quando a fine gara vedo una squadra che ha dato tutto”. 

Stefano Pioli
Stefano Pioli

Scendere in campo dopo l’Inter influisce? “No. Noi prepariamo la partita con grande concentrazione indipendentemente dal risultato delle altre. Noi dobbiamo pensare solo a fare bene domani, è troppo presto per pensare alla classifica”. 

Domani la Juve può perdere lo scudetto? “No, manca ancora tanto. C’è ancora spazio per recuperare, soprattutto per una squadra forte ed esperta come la Juve”. 

Centrocampo in emergenza. Ha pensato ad altre soluzioni oltre a Krunic? “Sempre, si prepara la strategia iniziale poi c’è sempre un piano B se le cose non vanno”.

Simakan: “Il confronto con la società è continuo. Se ci sarà possibilità di rinforzare la squadra, lo faremo. Se un giocatore è vicino non devo dirlo io”. 

Conti: “Nessuno è sul mercato. Conti è affidabile, le gerarchie sono cambiate ultimamente, ma nel calcio possono cambiare velocemente. Lo dico spesso anche ai miei giocatori”. 

Scudetto: “Noi dobbiamo continuare così e migliorare ancora. Per fare servono due cose: intensità e qualità. Se manteniamo alti questi due fattori possiamo essere protagonisti a lungo”. 

Krunic: “È la squadra che deve stare bene in campo, Krunic sta con noi per merito e caratteristiche, non gli dirò nulla di particolare, ma solo di avere attenzione”.

Che Milan ci dobbiamo aspettare domani? “A Benevento mi aspettavo un inizio così e così per via delle vacanze. Avevamo bisogno di riposare, ma può capitare alla prima partita dopo la sosta di fare un po’ fatica. Domani staremo meglio a livello mentale e fisico. Dovremo capire bene quando essere aggressivi e quando aspettarli. Servirà grande lucidità”. 

A luglio avete vinto 4-2…. “Quello che è stato è stato. A luglio è stato importante vincere quella partita, ma è il passato. Domani sarà difficile”.

TAG:
Milan-Juventus Milanello slider Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 05-01-2021


Milan, nessuna novità da Milanello: gli infortunati non recuperano

Milan-Juve, Pirlo alla vigilia: le dichiarazioni del tecnico bianconero