Le parole dell’allenatore rossonero in vista della partita di campionato contro il Crotone.

Serie A, Milan-Crotone: alla vigilia del match in programma a San Siro, valido per la 21esima giornata di campionato, mister Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sulla settimana libera da impegni: “È stato strano, non ci succedeva da tantissimo tempo, siamo andati a fondo su alcune situazioni dal punto di vista tattico. Abbiamo fatto lavori più mirati dal punto di vista fisico, è stata una bella settimana intensa, una settimana utile per prepararci alla partita di domani”.

Sulla stagione: “Siamo a metà della salita – ha affermato Pioli – le pendenze più difficili devono ancora arrivare, sarà difficile per tutte le squadre. Non possiamo accontentarci, dobbiamo provare ad alzare il nostro livello, le partite importanti arrivano, come quella di domani. Dobbiamo mettere in campo più intensità degli avversari per vincere”.

Sulla voglia di tornare al primo posto: “Gli stimoli arrivano da noi stessi. Abbiamo vinto una partita difficile a Bologna e vogliamo continuare. La classifica ora non ci interessa, vogliamo provare a vincere questa partita. Sarebbe importante essere primi anche domani sera”.

Sull’Inter davanti: “Dobbiamo abituarci alle pressioni, le difficoltà aumenteranno. Continuo a credere che è un privilegio avere queste pressioni, poi non è la prima volta che siamo dietro all’Inter prima di giocare. Non siamo concentrati su questo, siamo concentrati sul giocare bene e approcciare bene la gara, abbinando qualità e intensità, in modo da avere più possibilità di vittoria”.

Sul rendimento a San Siro: “Deve essere uno stimolo per migliorare i nostri risultati casalinghi. Migliorare in trasferta è difficile. Senza pubblico non ci sono tanti vantaggi a giocare in casa, ma qualche rimpianto col Parma e il Verona lo abbiamo. Nelle altre gare non eravamo al 100% e abbiamo incontrato squadre molto forti”.

Ibrahimovic e Pioli

Pioli: “Bennacer ha un po’ di febbre”

Su Ibrahimovic: “L’ho visto molto determinato a Bologna, ed è stato determinante. Mi è piaciuto tutto quello che ha fatto in campo, così come tutta la fase offensiva. Abbiamo creato dieci occasioni da gol, è molto difficile nel nostro campionato”.

Su Calhanoglu e il Covid: “Ha avuto qualche sintomo – ha dichiarato Pioli – la situazione ti porta via qualcosa a livello di condizione, è bene riaverlo con noi. È un giocatore molto importante, deciderò se schierarlo dall’inizio o a gara iniziata”.

Ancora sulla settimana trascorsa: “Analizziamo i dati delle partite e degli allenamenti, avere una settimana lunga ci ha aiutato. Chi era affaticato ha avuto la possibilità di rifiatare, chi aveva bisogno di lavorare di più lo ha fatto con i giusti atteggiamenti. Il Crotone ha ottenuto meno di quello che meritava per la qualità del gioco. La settimana sarà positiva se avremo ottenuto i tre punti”.

Sulle avversarie per il quarto posto: “La mia unica preoccupazione è mantenere alto il livello di concentrazione della squadra. Possiamo e dobbiamo migliorare il nostro livello tecnico-tattico. Tutte le prime sette hanno la possibilità di vincere lo scudetto e arrivare in Champions, sono tutte avversarie da temere tantissimo. Non vorremmo far parte delle tre deluse, tutte e sette sono forti. Saranno determinanti le ultime 5-6 partite del campionato”.

Su Tonali che rischia di perdere con Bennacer: “Come dice Zlatan a questi livelli “o mangi o vieni mangiato”, ha tagliato corto mister Pioli.

Sul Milan di oggi: “Adesso siamo un gruppo e vogliamo dare il massimo. Credo ci sia una regola molto semplice nel calcio: ci si allena e poi si gioca la domenica a seconda di come sono stati gli allenamenti. Vogliamo che questa stagione ci dia delle soddisfazioni”.

Su Bennacer: “Ha avuto un inizio di bronchite e un po’ di febbre, per questo non si è allenato: è tutta da valutare la sua presenza per domani”.

TAG:
Milan-Crotone Milanello slider Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 06-02-2021


Da Milanello: Meite in vantaggio su Bennacer

Milan, Bennacer bloccato dalla bronchite: a rischio per il Crotone