Le parole del tecnico del Milan alla vigilia della gara di San Siro contro il Benevento di Pippo Inzaghi.

Serie A, Milan-Benevento: alla vigilia del match in programma a San Siro, valido per la 34esima giornata di campionato, mister Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sul momento del Milan: “Abbiamo fatto un grandissimo girone di andata, mentre nel ritorno stiamo facendo meno bene. Dobbiamo essere più compatti e determinati, subiamo qualche gol di troppo e non concretizziamo più di tanto quanto creiamo. Per me tre cose sono importanti: bisogna avere qualità di gioco, spirito di gruppo e mettere in campo un grande cuore. Se veniamo meno in queste tre cose diventa più difficile ottenere certi risultati”.

Sulla reazione del gruppo: “Questa squadra ha sempre avuto gli atteggiamenti giusti. Attraverso queste sfide e queste difficoltà un gruppo giovane come il nostro può crescere ancora. Abbiamo passato momenti felici e positivi, dobbiamo dimostrare che sappiamo superare anche quelli difficili. Ho visto una squadra determinata, ma dobbiamo dimostrarlo domani in campo”. 

Sulla vicinanza di Maldini e della società: “Il supporto del club non è mai mancato. Sono persone che sanno cos’è il calcio, sanno che le stagioni così difficili passano anche da momenti delicati. La loro vicinanza ci aiuta ed è importante”. 

Su Ibrahimovic: “Sappiamo tutti quanto sia importante per noi – ha dichiarato Pioli – sia dal punto di vista tecnico che della personalità. Siamo contenti che sia tornato a disposizione”.

Sul suo futuro: “Io ho sempre avuto il sostegno del club e della proprietà. Sono in un grande club e quindi le aspettative sono alte. Ora pensiamo alle ultime partite, poi faremo tutte le valutazioni. Io sono convinto di quello che sto facendo e del mio lavoro. Vado avanti per la mia strada”. 

La parola d’ordine: “In questo momento è energia. Dobbiamo avere una grande energia dentro. Sapevamo che sarebbe stata una stagione difficile, siamo qui a giocarci il nostro obiettivo e quindi serve grande energia. Le ultime due sconfitte ci hanno fatto male, ma dobbiamo credere in noi e nelle nostre qualità. Dobbiamo controllare meglio le partite. Io sto allenando un gruppo intelligente. Domani farò il mio solito discorso motivazionale, ma tutti i ragazzi sanno bene cosa ci stiamo giocando”.

Se i rinnovi stanno condizionando il gruppo: “Vedo un gruppo attento e con grande voglia di fare. Contro la Lazio siamo mancati nel secondo tempo, tutti sappiamo che dobbiamo fare meglio. Non ho visto poca concentrazione. Ci sta essere tesi in questa fase del campionato, ma siamo concentrati sul campo. Nessuno pensa al futuro, le voci che circolano fuori non sono arrivate qui. Il nostro futuro è domani, non più avanti”. 

Ibrahimovic e Pioli

Pioli: “Critiche? Non commento, i conti alla fine”

Sulle difficoltà in zona gol: “Io non cerco i colpevoli – ha sottolineato mister Pioli – ma lavoro per trovare le soluzioni. Ogni partita cerchiamo di trovare soluzioni per essere più pericolosi. Dobbiamo anche essere più attenti nella fase difensiva”. 

Sulla possibilità di cambiare modulo: “Contro il Sassuolo abbiamo giocato con il 4-4-2, ma non siamo stati molto concreti in alcune situazioni. Noi comunque vogliamo pensare solo alla partita di domani, non a quelle dopo. Domani servirà qualità e concentrazione per vincere”.

Se c’è un problema psicologico nella squadra: “È un momento importante nella nostra crescita, dobbiamo essere convinti di quello che stiamo facendo. Dobbiamo entrare in campo con le idee chiare e con l’atteggiamento giusto. Domani non dobbiamo pensare alla classifica, ma solo a vincere contro il Benevento. Non dobbiamo entrare in campo con altri pensieri, dobbiamo solo pensare a dare il massimo e anche di più. Dobbiamo andare oltre i nostri limiti”. 

Sulla possibilità di schierare la coppia Ibra-Mandzukic: “In avanti abbiamo grande possibilità di scelta. Dipende dalla strategia, se voglio giocatori più vicini o più aperti. In ogni partita cerchiamo di scegliere la strategia migliore. Domani sarà complicata, dobbiamo essere squadra dall’inizio alla fine”. 

Se la squadra pensa già alla Juventus: “Nessuno di noi sta pensando alla Juve. Quella partita potrà diventare importante solo dopo il risultati di domani. Noi pensiamo solo al Benevento perché vogliamo vincere. Domani non guarderò chi sono i diffidati, metterò in campo la formazione migliore”. 

Se Hauge può essere utile: “Certo che può essere utile – ha tagliato corto Stefano Pioli – abbiamo tanti giocatori offensivi diversi, dipende da che partita vogliamo fare”.

Sulle critiche ricevute: “Non commento. I giudizi importanti saranno quelli al termine del campionato, non ora. Dipenderanno da quello che riusciremo a fare. Se arriveremo tra le prime quattro ci saranno giudizi positivi, altrimenti non saranno giudizi positivi. In questo momento i commenti contano poco. Adesso pensiamo al campo e a dare il massimo. Ho molta fiducia nei miei giocatori”. 

Sulla gara col Benevento: “Noi vogliamo controllare la partita, questo vuol dire essere padroni delle situazioni. Dobbiamo continuare a crescere su questo aspetto. Non dobbiamo cambiare modo di giocare in base al risultato. Dobbiamo essere forti ed equilibrati dal punto di vista mentale. Vogliamo tornare a vincere: gli ultimi due risultati ci hanno fatto male, domani dovremo fare il massimo per tornare a vincere”.

TAG:
Milan-Benevento Milanello Serie A slider Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 30-04-2021


Tardelli: “Rinnovi, agenti e Sanremo dietro la crisi del Milan”

Pioli, un calcio alle critiche: “I conti si fanno alla fine”