Le parole dell’allenatore rossonero in vista della partita di campionato contro il Cagliari.

Serie A, Cagliari-Milan: alla vigilia del match in programma alla Sardegna Arena, valido per la 18esima giornata di campionato, mister Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni.

Sulla partita di domani: “Dobbiamo essere pronti. Ci aspetta una gara difficile, l’avversario ha raccolto meno di quanto meritasse, possono schierare giocatori come Nainggolan, Godin, Joao Pedro. Giocatori esperti e preparati, dobbiamo esserlo anche noi”.

Sul momento del Milan: “La positività dell’ambiente, la sintonia col club fa di noi un gruppo molto affiatato e coeso. La squadra sta giocando con testa e cuore, sono caratteristiche su cui dobbiamo insistere”.

Su Theo e Calhanoglu: “Sono assenze importanti – ha dichiarato Stefano Pioli – ma è questo tipo di stagione, le criticità possono arrivare da un momento all’altro, per questo dobbiamo avere una squadra pronta. Siamo stati bravi a raddoppiare sempre le energie, le qualità che avremo domani saranno importanti e ci faranno fare una grande gara”.

Sul titolo di campioni di inverno: “Conta davvero poco, dobbiamo continuare a lavorare ed essere concentrati sulla difficile sfida di domani, ritenendola la partita più importante del campionato”.

Sul recupero di Ibrahimovic: “È importantissimo, tutti noi conosciamo il suo spessore tecnico e caratteriale. Ha superato i fastidi muscolari, l’ho visto bene questi giorni, è pronto per giocare domani”.

Sul Covid: “Siamo abituati e siamo pronti – ha affermato mister Pioli – pretendo dai giocatori che siano sempre dentro allenamenti e partite. Sono criticità che vanno affrontate con determinazione e convinzione nella forza della squadra. In queste situazioni abbiamo sempre trovato nuove energie e nuove occasioni per dimostrare il nostro valore”.

Sulle tante assenze avute fin qui: “È una stagione particolare per tutti, non solo per noi. Un mese fa avevamo tutta la squadra a disposizione, in questa situazione possono accadere questi momenti. Abbiamo dimostrato di essere compatti, per questo il club mi ha messo a disposizione un organico competitivo. Vogliamo essere pronti a superare anche queste difficoltà”.

Su Mandzukic: “Abbiamo una partita molto importante domani, non posso parlare dei giocatori che non ho a disposizione. Ho molta fiducia nei miei dirigenti, la società rinforzerà la squadra se ci sarà la possibilità”.

Ibrahimovic e Pioli

Pioli: “Meité abbina qualità e quantità”

Su come migliorare il morale dei tifosi: “Non credo che i tifosi siano col morale a terra, tutti dimostrano entusiasmo e fiducia. Sono difficoltà da superare e occasioni per dimostrare il nostro valore”.

Su Meité: “Rende ancora più competitivo un reparto che già aveva una certa solidità. Abbina qualità e quantità, mi è piaciuto molto, l’ho visto molto voglioso. Mi è piaciuto anche quando ha parlato, dimostrandosi un giocatore ambizioso”.

Ancora sul match con il Cagliari: “Le gara vanno affrontato sempre con rispetto. Vogliamo cercare di comandare la partita, sapendo che ci sarà da soffrire. Grande concentrazione e voglia di fare la partita, poi vedremo cosa riusciremo a fare”.

Sul lavoro della proprietà: “Noi viviamo quotidianamente il Milan, la società ci protegge e ci stimola ed è sempre pronta a migliorare un organico che si sta dimostrando molto competitivo. Visti gli infortuni e la stagione particolare, oltre alla fatica dei tanti impegni, la società, se ci sarà la possibilità, si farà trovare pronta”.

Sulla crescita del Milan rispetto a un anno fa: “Ho avuto sempre tanta fiducia nei miei giocatori – ha ribadito Pioli – il gennaio 2020 è stato molto importante per il mercato e gli innesti inseriti, ci hanno dato un apporto importante e siamo cresciuti tantissimo. Aspettarsi una crescita del genere non era facile, ma abbiamo lavorato con cura e costanza. Sono consapevole, io e i miei giocatori, che abbiamo ancora ampi margini di miglioramento. Adesso che siamo saliti su questo treno vogliamo rimanerci a lungo”.

Sulle differenza con e senza Ibra: “La squadra ha dimostrato di avere delle idee di gioco ben assimilate. Dire che giochiamo meglio senza Ibra è una cosa che non sta né in cielo né in terra. È più facile vincere se porti avanti un’idea per tutta la gara”.

Se scontri diretti di oggi possono condizionare il Milan: “Sarebbe un errore affrontare la partita di domani in maniera diversa rispetto alle altre. Dobbiamo pensare alla nostra gara, le altre ci interessano poco. Le guarderemo ma dobbiamo pensare a noi”.

Su Kjaer: “Simon è una presenza importante anche per il suo modo di comunicare. Parlare è molto importante nel guidare marcature e scalate, il suo modo di stare in campo ci aiuta tantissimo. La squadra sa di dover lavorare con intensità in fase difensiva per tutta la gara, ma noi siamo una squadra offensiva e dobbiamo cercare di creare più occasioni dell’avversario”.

TAG:
Milan-Cagliari Milanello Serie A slider Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 17-01-2021


Calhanoglu e Theo Hernandez positivi al Covid

Moggi: “Milan inferiore a Juve e Inter”