L’espulsione di Tonali complica i piani del Milan, che riesce comunque a battere il Benevento mettendo in campo il solito orgoglio.

Serie A, Benevento-Milan 0-2: un’altra battaglia vinta, un’altra partita disputata in emergenza. E stavolta con il peso ulteriore dell’espulsione (dubbia!) di Tonali poco dopo la mezzora del primo tempo. I rossoneri, ancora una volta, hanno dimostrato di avere un cuore grande così.

Dopo il vantaggio di Kessié su rigore e il cartellino rosso sventolato da Pasqua e Tonali (il VAR interviene quando, per regolamento, non potrebbe in quanto non c’è il chiaro errore dell’arbitro), i rossoneri trovano il 2-0 a inizio ripresa con Leao, che realizza un gol da urlo: anticipo sul portiere avversario in uscita e pallone in rete da posizione defilata. Una magia!

Franck Kessie
Nella foto: Franck Kessie

Ma il Benevento è squadra rognosa e ben messa in campo, favorita anche dalla superiorità numerica. I giallorossi sembrano non accusare il colpo nemmeno dopo il penalty fallito da Caprari, ma Donnarumma è sempre attento e Kjaer, come al solito, è impeccabile. Il Milan, sfortunatissimo, non riesce a chiuderla nel finale (i pali colpiti da Calhanoglu e Kessié gridano ancora vendetta), ma va benissimo così: Romagnoli e compagni hanno messo in cascina altri tre punti pesantissimi. Ora testa alla Juve.

TAG:
Benevento-Milan slider

ultimo aggiornamento: 03-01-2021


Kessié: “Col Benevento sarà difficile, ma siamo pronti”

Benevento-Milan, Leao a Sky: “Abbiamo lottato, vittoria meritata”