Al termine di Milan-Juve, il campione rossonero, Zlatan Ibrahimovic, ha parlato ai microfoni di DAZN. Ecco le sue dichiarazioni.

Serie A, Milan-Juventus 4-2: ci ha messo lo zampino, Zlatan Ibrahimovic. Il fuoriclasse svedese – ottima la sua prestazione – ha segnato su rigore il gol che ha dato il via alla rimonta rossonera. Nel dopo-partita, Ibra ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di DAZN: “Sono vecchio, non è un segreto. Ma è solo un numero. Mi sto allenando bene, oggi sono riuscito a giocare un po’ di più dell’ultima partita. Così riesco a giocarle tutte. Sto bene e cerco di aiutare la squadra in tutti i modi”.

“Io allenatore? Sono presidente, allenatore e giocatore – ha affermato l’attaccante rossonero, ovviamente scherzando – ma mi pagano solo per fare il giocatore. Quello è il lato negativo. Se fossi stato qua dal primo giorno avremmo vinto lo Scudetto“.

Galliani Zlatan Ibrahimovic Milan-Spal

Nel corso dell’intervista, Ibrahimovic ha parlato anche del futuro: “Se resto al Milan? Vediamo. Ho un mese per divertirmi, poi qua succedono cose che non possiamo controllare. Mi dispiace per i tifosi, può essere che non mi vedano più dal vivo. Se oggi ci fosse stato il pienone sarebbe stato bello, si sarebbero potuti divertire con noi. Facciamo il nostro, siamo professionisti e si lavora. Avrebbero potuto vedermi dal vivo per l’ultima volta: leggete tra le righe”.

“Mi sto divertendo molto. Dopo il mio infortunio sono andato in America, volevo sentirmi vivo. Adesso voglio solo giocare: non ho il fisico di prima, ma sto bene e faccio quello che posso fare. Con l’intelligenza riesco a sopperire. Se non faccio la differenza non mi piace. Non voglio fare la mascotte, voglio solo aiutare il club”.

TAG:
Milan-Juventus Serie A slider Zlatan Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 08-07-2020


Pioli: “Complimenti ai ragazzi, ora testa al Napoli. Futuro? Sto bene al Milan”

Ibrahimovic: “Il Milan deve lottare per lo Scudetto, non per il quinto posto”