Pioli: "Stiamo già pensando alla Juve. Vogliamo l'Europa"

Pioli: “Stiamo già pensando alla Juve. Vogliamo l’Europa”

Le dichiarazioni rilasciate a DAZN dall’allenatore milanista, Stefano Pioli, al termine del match dell’Olimpico stravinto dal Milan.

Serie A, Lazio-Milan 0-3: i rossoneri superano i biancocelesti in trasferta disputando un match super. Nel dopo-partita, il tecnico rossonero, Stefano Pioli, ha parlato ai microfoni di DAZN. Ecco le sue dichiarazioni: “Stiamo già pensando alla Juve. Archiviamo con soddisfazione questa gara, la squadra ha giocato bene e meritato la vittoria. La prossima partita è difficile e importante, conosciamo il valore degli avversari ma vogliamo provare ad insistere”.

“I nostri centrocampisti hanno dovuto lavorare tanto e hanno fatto bene – ha aggiunto il mister – abbiamo fatto le scelte giuste, siamo stati sempre pericolosi. Una buonissima prova, ma non abbiamo tempo: io sto già pensando a che scelte fare martedì. Abbiamo speso tanto anche oggi, ma le risposte sono state tutte positive”.

Una considerazione anche su Zlatan Ibrahimovic: “Ci ha fatto crescere in mentalità, personalità e qualità. Al di là dell’età, sta facendo la differenza: è dentro, è un piacere vederlo lavorare. Manca un mese, dobbiamo stringere per portare a casa più punti possibile e finire al meglio questo campionato”.

Spalletti Stefano Pioli derby Milan Rangnick

“A Milanello si lavora benissimo – ha affermato Pioli – il gruppo dei giocatori è responsabile, consapevole dell’importanza della maglia che indossano. Non so cosa succederà per il nostro e il mio futuro, ma stiamo lavorando molto bene. Il club non ci ha fatto mancare nulla, siamo tutti concentrati, crediamo di meritare una classifica migliore e di dover lottare fino alla fine per riportare il Milan in Europa. Dobbiamo riuscirci e sono sicuro che i ragazzi daranno il 110% fino alla fine. Abbiamo delle situazioni anche individuali non facili, parecchi giocatori hanno firmato l’estensione del contratto e probabilmente non verranno confermati: dal loro atteggiamento, dalla loro serietà e dal loro orgoglio dobbiamo trarre positività”.

Come detto, si pensa già alla super sfida con la Juventus: “In questo momento è importante parlare con i calciatori, siamo molto attenti anche con lo staff sanitario. Oggi Rebic aveva bisogno di rifiatare soprattutto a livello mentale, ma può giocare anche insieme a Ibra, che non aveva i 90 minuti. Vedremo il problema di Calhanoglu, ma posso fare tante scelte”.

Aggiornato il: 05-07-2020