Le parole dell’allenatore milanista in vista della quinta gara di campionato contro la Roma.

Serie A, Milan-Roma: alla vigilia del match in programma a San Siro, il tecnico rossonero, Stefano Pioli, ha parlato in conferenza stampa.

Sulla sfida con la Roma: “Ogni partita è importante, abbiamo cominciato bene e dobbiamo continuare. Affrontiamo un avversario forte che nelle ultime 6 trasferte ne ha vinte 5. Un avversario che assomiglia al Milan, hanno confermato un allenatore che ha fatto bene al primo anno in Italia, hanno inserito giovani forti come Kumbulla e hanno preso un giocatore importante come Pedro. Una squadra ambiziosa ma lo siamo anche noi, sarà una partita aperta”.

Sulla classifica: “Siamo solo all’inizio, dobbiamo prepararci bene per superare questo esame difficile. È solamente un’altra partita, ci sono 3 punti a disposizione e dovremo cercare di giocare una partita tecnicamente di alto livello perché sono avversari di valore”.

Sul confronto Ibrahimovic-Dzeko: “Zlatan ci dà tante soluzioni, sia Ibra che Dzeko sono due registi offensivi. Dovremo cercare di limitare i rifornimenti per Dzeko”.

Sull’importanza della gara di domani: “Secondo me – ha affermato Pioli –ogni partita sarà la prova del nove, noi dobbiamo interpretarla come sappiamo fare. Dobbiamo giocare al massimo e poi valuteremo il tutto. Noi dobbiamo pensare al nostro percorso, continuare a pensare ad ogni singola partita come quella più importante. Domani sarà importante anche per la classifica”.

Su Calhanoglu: “Diciamo che in questo inizio siamo stati molto bravi a non far pesare assenze importanti come Ibra, Romagnoli, Calha. Era importante avere più titolari a disposizione. Calhanoglu e Rebic stanno meglio. Rebic non ci sarà domani, faremo un controllo nei prossimi giorni. Hakan ha ancora due allenamenti ma domani sarà difficile”.

Sulle cose da migliorare: “Tante situazioni che possiamo sviluppare meglio. Possiamo capire ancora meglio i momenti della partita, capire quando c’è bisogno di alzare i ritmi o palleggiare. Le partite cambiano all’interno della stessa gara. È una crescita che arriverà col tempo e in base agli avversari che troveremo. La crescita deve essere continua”.

Sul turnover: “La nostra identità è bella chiara, per i nuovi arrivati è facile capire come muoversi in campo. Io onestamente vedo solo aspetti positivi nelle 5 sostituzioni. Penso a schierare l’undici migliore per l’inizio gara, la preparazione alla partita è l’aspetto più importante del mio lavoro. Ora è più complicato perché la facciamo in due giorni, mi piace pensare che avere 5 cambi mi permette di cambiare caratteristiche e partite”.

Stefano Pioli

Pioli: “Rinnovo Gigio? Non sono preoccupato”

Sul Milan post lockdown: “Mi piace definire i miei giocatori giovani ma maturi, me lo dimostrano con i comportamenti. Abbiamo anche personalità forti come Romagnoli, Kjaer, Donnarumma. Non è la carta d’identità a dire se siamo maturi, ma i comportamenti. Siamo consapevoli del nostro percorso. La nostra forza è quella di mantenere un equilibrio mentale. Dopo le critiche abbiamo pensato solo a lavorare, ora dobbiamo fare lo stesso anche se riceviamo complimenti. Anzi, ho chiesto alla squadra di dare ancora di più per diventare davvero ambiziosi. È bello che le aspettative si siano alzate”.

Su Donnarumma: “Ho trovato un ragazzo più grande rispetto alla sua età. Nella mia esperienza la sua crescita è stata continua, la sua disponibilità è tanta e sta crescendo in tutto quello che fa, dall’alimentazione alla cura dei particolari, è già di altissimo livello ma ha ancora tanti margini di miglioramento. Sono molto soddisfatto del suo approccio. Non sono preoccupato per il futuro perché fin quando vedo giocatori così attenti e positivi sono tranquillo e so che la società sta lavorando in una determinata direzione”.

Su Tonali: “Con il Celtic ha avuto un inizio di gara non semplicissimo, ma poi è cresciuto, sta ancora cercando la miglior condizione. Ha bisogno di un po’ di tempo ma è un giocatore forte e maturo e sono sicuro che può essere un titolare di questa squadra”.

Sul Milan definito ancora una sorpresa: “È giusto che ognuno la possa pensare come crede – ha dichiarato Pioli – io sono convinto che il nostro sia il percorso giusto e sono consapevole che ci sono situazioni da migliorare per arrivare a certi livelli. La nostra mentalità deve essere questa, pensare che ogni partita sia la più importante. Le somme le tireremo alla fine e vedremo chi avrà avuto ragione”.

Su Krunic trequartista: “Credo che possa giocare sia nei due mediani ma anche come centrocampista offensivo. Il nostro trequartista, che sia Hakan, Krunic o Diaz, deve lavorare tanto e saper attaccare gli spazi quando Ibra viene tra le linee. Krunic ha queste qualità e sono contento per il gol perché sono situazioni che proviamo e riproviamo in allenamento”.

Sugli obiettivi del Milan: “Io credo che noi abbiamo l’obiettivo di superare tutte le squadre che l’anno scorso ci sono state davanti. Il nostro gap con le prime 4 era di parecchi punti. Ora pensiamo a migliorare quello e a superare Roma e Atalanta rispetto l’anno scorso. Un passo alla volta, una partita alla volta. Ora il nostro avversario è la Roma e pensiamo solo alla Roma”.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Milanello

ultimo aggiornamento: 25-10-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Milan, retroscena di mercato: nel 2009 Galliani bussò alla porta di Dzeko

Milanello: spiraglio per Calhanoglu