Le parole del presidente Mattarella: “Non appena possibile, sulla base di valutazioni scientifiche, si potrà avviare una progressiva ripresa”.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha parlato alla Nazione in vista della Pasqua, affrontando anche il tema relativo all’emergenza Coronavirus: “Ci apprestiamo a vivere domani il giorno di Pasqua: è la ricorrenza di maggior significato per la cristianità ed è una festa tradizionale importante per tutti. Quest’anno arriveremo in condizioni molti diverse dal consueto; molti cittadini sono morti per l’epidemia, tante storie spezzate, affetti strappati. Spesso all’improvviso. Il vuoto che essi hanno lasciato renderà questa giornata triste. Questo giorno sarà vissuto diversamente anche da tanti malati, e da medici e infermieri che si adoperano con la loro disponibilità, mettendo a rischio se stessi. Sarà diverso per tutti”.

Borrelli Cellino controlli sanitari coronavirus

“In molte lettere che ho ricevuto – ha aggiunto il presidente Mattarellavengono narrate la storie di forzata solitudine che tanti stano vivendo anche in questi giorni di festa condivisa. Comprendo bene il senso di privazione che questo produce. So che molti italiani trascorreranno il giorno di Pasqua in solitudine e sarà così anche per me, ma in questi giorni intravediamo la via della concreta possibilità di superare questa emergenza. I sacrifici che stiamo facendo stanno producendo i risulti desiderati. Non appena possibile, sulla base di valutazioni scientifiche, si potrà avviare una progressiva ripresa. Fino a quel momento è indispensabile mantenere il rigore le misure di contenimento. Stiamo per vincere la lotta contro il virus, o perlomeno di ridurne al minimo la pericolosità, in attesa di farmaci specifici e un vaccino. Coltiviamo fiducia”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Bollettino Coronavirus: 152.271 casi totali, 19.468 morti, 32.534 guariti

Kjaer: “Il mio unico sogno è restare al Milan”