Quando giocava nel Lombardo Uno, il club rossonero non prese in considerazione Sandro Tonali: “Forse ero troppo piccolo”, ha dichiarato.

Il centrocampista del Brescia, Sandro Tonali, ha rilasciato una lunga intervista a Sportweek, settimanale allegato all Gazzetta dello Sport, nel corso della quale ha parlato anche della società rossonera. “Se è vero che mi hanno scartato? Il Lombardia Uno (prima squadra di Tonali, ndr) era affiliato al Milan. Ogni due o tre mesi cinque o sei bambini venivano chiamati al Vismara, dove si allenano i giovani del club. Non posso dire che mi abbiano scartato: non mi hanno proprio preso in considerazione. Forse ero troppo piccolo”.

Gennaro Gattuso
Nella foto: Gennaro Gattuso

Tonali, tra le altre cose, ha elogiato il suo idolo di infanzia, l’ex milanista Gennaro Gattuso: “Mi colpivano la sua grinta e generosità. Avesse diviso per dieci la determinazione che aveva dentro, ce ne sarebbe rimasta abbastanza per riempire tutti i suoi compagni di squadra. Non aveva paura di nessuno”.

Il giovane mediano, che molti accostano ad Andrea Pirlo, è senza dubbio uno dei migliori prospetti del calcio italiano: “Sono consapevole che con i giusti sacrifici posso arrivare in cima al mondo – ha dichiarato sempre a Sportweek – non ho realizzato neanche la metà di quello che ho in mente, ma mi sento abbastanza forte per farcela. Il paragone con Pirlo? Non sono il suo erede. Tanto per cominciare, non ho il suo lancio, lungo e millimetrico. E glielo invidio”.

TAG:
Brescia Sandro Tonali

ultimo aggiornamento: 06-06-2020


Milan, ora Ibra vuole anticipare i tempi di recupero

Jovic o Milik per l’attacco del Milan: ma la strada è in salita