Salvini: "Milan e Inter possono giocare fuori dalla Lombardia"

Salvini: “Milan e Inter possono giocare fuori dalla Lombardia”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, suona l’allarme: “Se muore il calcio di rimando si fermano tutti gli altri sport”.

Secondo Matteo Salvini, Milan e Inter potrebbero giocare al Sud. Lo ha dichiarato lo steso leader della Lega a “La politica nel pallone”, in onda su Gr Parlamento. “Non sarebbe un problema le milanesi giocassero fuori dalla Lombardia – ha affermato l’ex ministro – poi non sono la proprietà delle società, ma se si giocasse a Reggio Calabria invece che a Milano non sarebbe un problema. Dove come e quando sarebbe l’ultimo dei problemi: il problema è mantenere in vita il calcio, che tiene in vita tutto lo sport italiano. Se qualcuno pensa di sparare al calcio per fare l’anima bella, perché è popolare così, non offre un servizio al Paese. Non vorremmo che chi è sopravvissuto al virus non riuscisse a salvarsi dalla fame”.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

“Se muore il calcio – ha aggiunto Matteo Salvini – di rimando si fermano tutti gli altri sport. Chi è al governo sappia che in ballo ci sono migliaia di posti di lavoro: mi auguro ci sia la riapertura entro giugno, altrimenti ci sarebbe un disastro. Qualcuno ha sottovalutato il problema, persino demonizzato il mondo del calcio, forse per scarsa conoscenza della materia, non sapendo che ci sono a rischio 300.000 posti di lavoro, tutto l’indotto del sistema calcio. Invece spara sui ricconi del pallone per non parlare dei problemi degli altri. Se metà delle società professionistiche falliscono in caso di mancata ripartenza prima dell’estate, mi deve però spiegare dove prende quel miliardo per tappare il buco”.

Aggiornato il: 04-05-2020