Le parole del leader della Lega, Matteo Salvini: “Temo che se non ci sarà un chiarimento a livello di società, tra dieci anni siamo ancora qua a cambiare modulo”.

“Come siamo messi male. I problemi sono sempre ai vertici. Il problema non è il signore tedesco che deve imparare la lingua ma quanti milioni di euro abbiamo buttato in questi anni senza combinare nulla”. Lo ha dichiarato Matteo Salvini parlando del Milan. Il leader della Lega, grande tifoso rossonero, ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss.

Icardi Spalletti Teun Koopmeiners Matteo Gabbia zaracho Ariedo Braida Ralf Rangnick runic Spalletti Ralf Rangnick Robinson Alexis Saelemaekers Matias Viña Ricardo Rodriguez Bernard Arnault Bernardeschi Januzaj Cengiz Under Elliott David Han Li Arnault Cassano Boban Becir Omeragic Stanislav Lobotka Juan Foyth ranking uefa Casa Milan Demiral Dani Olmo Gazidis

“Il problema – ha affermato Salvini riferendosi al fondo Elliott è nei vertici. Non so quanti ne abbiamo cambiati di allenatori e giocatori. Se non funziona la testa, non funziona nulla. Temo che se non ci sarà un chiarimento a livello di società, tra dieci anni siamo ancora qua a cambiare modulo. Quale presidente mi piacerebbe? Uno con nome e cognome – ha aggiunto l’ex Ministro – preferibilmente italiano, non un fondo azionario a cui interessa poco il risultato del Milan la domenica pomeriggio. Uno che sai dove sta e nel bene o nel male ci mette grinta e passione. Se il presidente è un fondo speculativo finisce la poesia”. Quello di Salvini è un po’ il pensiero di tutto il popolo rossonero, che ovviamente spera in un cambio di rotta.

TAG:
Elliott Matteo Salvini

ultimo aggiornamento: 11-05-2020


Paquetà, futuro incerto: il Milan ci crede ancora?

Bollettino Coronavirus: 219.814 casi totali, 30.739 morti, 106.587 guariti