Il rigore concesso al Lille è certamente dubbio, ma l’ingenuità di Romagnoli è tanto evidente quanto imperdonabile. Il capitano sta mostrando una preoccupante insicurezza.

Due rigori dubbi, ma non è questo il punto: ancora una volta Romagnoli ha sbagliato, non ha ragionato sul da farsi come un difensore dovrebbe invece fare. Si è fatto fregare, il capitano, sia a Udine che ieri a San Siro. Azzardare l’intervento diretto sull’attaccante – quando quest’ultimo non ha più sbocchi – anziché accompagnarlo sul fondo, è un errore grave per un centrale della sua esperienza. Così come appoggiare le mani sulla schiena dell’avversario, abbozzando una leggerissima spinta.

Donnarumma e Romagnoli
Nella foto: Gianluigi Donnarumma-Alessio Romagnoli

E che dire della marcatura piuttosto approssimativa su Dzeko in occasione del momentaneo 1-1 della Roma. Tatarusanu “canna” l’uscita, questo è vero, ma Romagnoli avrebbe potuto opporsi con maggiore decisione al fortissimo centravanti giallorosso. Insomma, errori spesso decisivi, uno dietro l’altro. Il ritorno di Alessio, dopo il lungo stop per infortunio, non è stato, fin qui, da incorniciare. Al contrario: il difensore rossonero sta manifestando una preoccupante insicurezza, nonostante al suo fianco abbia un leader vero come Simon Kjaer. Romagnoli dovrà migliorare il suo rendimento, perché il Milan non può permettersi di perdere equilibrio e convinzione.

TAG:
Alessio Romagnoli. Milanello slider

ultimo aggiornamento: 06-11-2020


Milan in pressing su Kabak

Milan-Hellas Verona: orario, diretta tv e streaming