Il capitano Alessio Romagnoli ha un contratto fino al 2022, ma i rossoneri vogliono affrontare l’argomento rinnovo con largo anticipo.

Alessio Romagnoli ha ancora due anni di contratto con il Milan (scadenza 30 giugno 2022), ma i vertici di via Aldo Rossi sembrano intenzionati ad affrontare la questione con largo anticipo. Lo riporta La Gazzetta dello Sport, che pone l’accento sul futuro del difensore milanista. Come detto, la deadline è ancora lontana, ma i dirigenti non vogliono perdere altro tempo. Il motivo è semplice: evitare un altro scenario alla Gigio Donnarumma (il portiere ha l’ultimo anno di contratto e ci sono dubbi sul rinnovo).

Inzaghi Baresi Boateng Kakà Donadoni Shevchenko Fabio Capello Lega Serie A Van Basten Pobega Braida Thiago Silva Matteo Gabbia Milan-Torino Lucas Biglia Braida Inter-Milan Berlusconi Daniel Maldini Musacchio Berlusconi Matías Viña Kobe Bryant Florentino Luis Bennacer Matty Cash Antonee Robinson Caldara Scamacca Becir Omeragic Atalanta-Milan Rebic serginho Paquetà Castrovilli Milan-Sassuolo Caldara Milanello tifosi Milan Ricardo Rodriguez Todibo Xhaka Paquetà maglia Milan Ibrahimovic

Insomma, per la serie “meglio prevenire che curare…”. Il Milan vuole intavolare al più presto con Mino Raiola, agente di Alessio Romagnoli, un discorso per il prolungamento del capitano rossonero, il quale non pare proprio attratto dall’idea di cambiare casa. In soldoni, il giocatore non ha intenzione di lasciare Milanello. È un punto fermo della squadra, un pilastro e riferimento per i compagni. E i dirigenti lo sanno bene. Il suo futuro è al Milan, a meno che non arrivi una proposta particolarmente irreconcilable. L’a.d. Ivan Gazidis potrebbe incontrare Raiola già nei prossimi mesi per fare il punto della situazione.

TAG:
Alessio Romagnoli

ultimo aggiornamento: 28-05-2020


Milan, crolla il valore economico del club

Bollettino Coronavirus: 231.732 casi totali, 33.142 morti, 150.604 guariti