In caso di permanenza e di prolungamento del contratto fino al 2022, Ibrahimovic e il Milan risparmierebbero sulle tasse.

Zlatan Ibrahimovic potrebbe restare al Milan per un’altra stagione. Al termine del match con l’Udinese, il campione svedese – scherzando ma non troppo – ha dichiarato: “Ora dirò a Paolo che deve farmi firmare il contratto, altrimenti non gioco la prossima partita”. Era una battuta, ovviamente, ma Ibra spera davvero di rimanere in rossonero. Perché si sente bene e ha voglia di continuare a giocare.

Ibrahimovic

Il Milan ci sta pensando. Non a caso, lo stesso Maldini, prima del derby, aveva affermato: “Ricordiamoci che tra quelli che dovrebbero rinnovare ci sono anche Ibrahimovic”. Insomma, ci sono tutti i presupposti per un nuovo prolungamento. Anche perché, come evidenzia La Gazzetta dello Sport, club e giocatore, grazie al decreto crescita, potrebbero risparmiare sulle tasse. Da cittadino straniero con residenza fiscale di due anni in Italia, infatti, Ibra ha diritto a uno sgravio non indifferente.

L’incontro tra le parti, stando sempre a quanto riferito dal noto giornale sportivo, potrebbe avvenire a breve. I vertici di via Aldo Rossi sono felici di avere Ibrahimovic in squadra (così come lo sono Pioli e i calciatori) e presto potrebbero contattare Mino Raiola per mettere nero su bianco.

TAG:
calciomercato Ibrahimovic slider

ultimo aggiornamento: 03-11-2020


Milan, +10 rispetto allo scorso campionato

Kabak al Milan, ds Schalke: “A gennaio non posso escludere nulla”