Spadafora: "Stadi? Accesso come a concerti e teatro: ci sto lavorando"

Riapertura stadi, Spadafora: “Parziale accesso come a concerti e teatro: ci sto lavorando”

Le parole del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, sulla possibile riapertura al pubblico degli impianti sportivi: “A fine settembre valuteremo”.

“C’è aria di ripresa, ne avevamo bisogno”. Lo ha dichiarato il ministro dello Sport e delle politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, a margine della finale di Supercoppa di volley donne tra Conegliano e Busto Arsizio. “Siamo in grado di riprendere – ha aggiunto – perché si rispettano le regole, dobbiamo continuare a farlo”.

Gli appassionati, però, vogliono tornare a vivere lo sport negli stadi, nei palazzetti e nei vari impianti sportivi. “Anche io non vedo l’ora di rivedere il pubblico – ha affermato il ministro Spadafora ai microfoni di Rai Sport è tutta un’altra storia. La ripartenza della scuola sarà un test importante per tutto il paese: credo che alla fine di settembre ci saranno tutti gli elementi per valutare l’eventuale ripresa con il pubblico. Nel frattempo spero che venga consentito l’accesso di un migliaio di spettatori, come a concerti e teatro, io ci sto lavorando”.

Krunic Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

Nei giorni scorsi, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervistato dal Fatto Quotidiano, aveva rilasciato le seguenti dichiarazioni in merito alla questione: “Per quanto mi riguarda, la presenza allo stadio così come a manifestazione dove l’assembramento è inevitabile, non solo sugli spalti ma anche in fase di entrata e uscita, non è assolutamente opportuna”.

Aggiornato il: 07-09-2020