L’ex premier Matteo Renzi non ci sta: “Il calcio è un valore per l’Italia e significa normalità, si può ripartire”. Anche Lotito critica il ministro dello Sport.

Dalle pagine del Corriere dello Sport, Matteo Renzi ha indirizzato un duro attacco al ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. “Il suo protagonismo – ha dichiarato l’ex Premier – non è più tollerabile. Non l’ho apprezzato quando ha sospeso improvvisamente Parma-Spal. Mettersi di traverso, bloccare i giocatori negli spogliatoi è stata una mossa incomprensibile e assurda. Oggi ci sono tutte le condizioni per ricominciare fidandosi della comunità scientifica. Occorre accelerare la riaperture, anche il campionato deve ricominciare con le giuste modalità. Il calcio è un valore per l’Italia e significa normalità. Il pensiero che lo sport sia considerato nemico della salute è aberrante”.

Vincenzo Spadafora
Nella foto: il ministro Vincenzo Spadafora

Matteo Renzi ma non solo. Anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha criticato l’operato del ministro Spadafora: “Ha uno studio di cui non siamo a conoscenza?”, ha affermato al quotidiano La Repubblica. Il patron biancoceleste ha sottolineato che nelle sue aziende ha “2000 dipendenti che vanno a lavorare per 1600 euro al mese nei reparti Covid e non si è ammalato nessuno perché ho preso tutte le precauzioni e le strumentazioni”. Insomma, non si placano le polemiche.

TAG:
Claudio Lotito Matteo Renzi Spadafora

ultimo aggiornamento: 27-04-2020


Nuovo sponsor per il Milan: il comunicato

Albertini: “Milan? È come la conferenza di Conte: non si capisce”