Staff e giocatori “made in Italy”, il professore ha le idee chiare. Bonera o Tassotti come vice di Rangnick, Massaro possibile consulente.

Ralf Rangnick studia un Milan con un’anima italiana. A riferirlo è il quotidiano Tuttosport, che si sofferma sul lavoro del manager tedesco, il quale si sta confrontando con Ivan Gazidis per mettere a punto il nuovo progetto rossonero. Stando all’indiscrezione riferita dal noto giornale sportivo, il Professore sarebbe intenzionati a puntare sul “made in Itali”, a cominciare dallo staff.

Icardi Spalletti Teun Koopmeiners Matteo Gabbia zaracho Ariedo Braida Ralf Rangnick runic Spalletti Ralf Rangnick Robinson Alexis Saelemaekers Matias Viña Ricardo Rodriguez Bernard Arnault Bernardeschi Januzaj Cengiz Under Elliott David Han Li Arnault Cassano Boban Becir Omeragic Stanislav Lobotka Juan Foyth ranking uefa Casa Milan Demiral Dani Olmo Gazidis

Luigi Turci, ad esempio, apprezzato preparatore dei portieri, potrebbe rimanere, così come il dottor Mazzoni e la sua squadra. Da valutare anche la posizione di Bonera, il quale, da semplice assistente (di Pioli), potrebbe essere promosso a vice allenatore. Rangnick ha già fatto sapere ai vertici di via Aldo Rossi di volere al suo fianco un “milanista doc”, per questo potrebbe partire una telefonata al grande ex Mauro Tassotti, che potrebbe essere l’alternativa proprio a Bonera. Occhio, infine, a Daniele Massaro, per un possibile incarico da consulente, e all’attuale direttore sportivo Frederic Massara, le cui quotazioni sarebbero in rialzo.

Staff ma non solo: Rangnick sogna un Milan più italiano anche in campo. In rosa, al momento, ci sono Gigio Donnarumma, Romagnoli (due pilastri della squadra), Gabbia, Conti, Calabria e Bonaventura, ma sono tutti in bilico, chi per motivo chi per un altro. Con ogni probabilità, i dirigenti rossoneri dovranno intervenire sul mercato per rimpolpare il gruppo “azzurro”.

TAG:
Donnarumma Gazidis Mauro Tassotti Rangnick slider

ultimo aggiornamento: 21-05-2020


Conte ai cittadini: “Vi invito a fare le vacanze in Italia”

Ag. Boga: “Milan? Dipende dal progetto. Ma ancora nessun contatto”