Il tedesco Rangnick resta la prima scelta per la panchina della prossima stagione. I vertici di via Aldo Rossi sono fiduciosi sul buon esito della trattativa.

Negli ultimi giorni si è registrata una brusca frenata sul fronte Rangnick. Tuttavia, secondo quanto riportato dal quotidiano Tuttosport, il Milan resta ottimista, forte di un accordo (non solo verbale) stipulato con l’allenatore tedesco nei mesi scorsi.

Matteo Gabbia zaracho Ariedo Braida Ralf Rangnick runic Spalletti Ralf Rangnick Robinson Alexis Saelemaekers Matias Viña Ricardo Rodriguez Bernard Arnault Bernardeschi Januzaj Cengiz Under Elliott David Han Li Arnault Cassano Boban Becir Omeragic Stanislav Lobotka Juan Foyth ranking uefa Casa Milan Demiral Dani Olmo Gazidis

Ma la vicenda Coronavirus ha stravolto la routine di tutti e le certezze a qualsiasi livello lavorativo, calcio compreso. E così, l’ex tecnico del Lipsia – oggi manager del gruppo Red Bull – avrebbe cominciato a riflettere. Stando all’indiscrezione riferita dal noto giornale sportivo, il Milan avrebbe già comunicato a Rangnick una riduzione del budget per il mercato rispetto alla cifra stabilita in precedenza, a causa della crisi economica che colpirà l’intero pianeta. Questo, comunque, non dovrebbe risultare determinante per l’esito finale della trattativa. Anche perché resteranno le possibilità di fare una buona campagna acquisti.

Il problema semmai è un altro: il tempo. Se l’attuale stagione dovesse terminare a luglio, infatti, inevitabilmente ci sarebbero meno settimane per le trattative di mercato e per preparare sul campo la squadra che verrà. Fattore che starebbe spingendo Rangnick – mister che ha sempre fatto della programmazione uno dei suoi punti di forza – a riflettere sul da farsi.

TAG:
Rangnick

ultimo aggiornamento: 21-03-2020


Ibra, Leao e Rebic: Milan, l’attacco è in bilico

Rangnick e non solo: ecco le ipotesi per la panchina del Milan