Ecco alcune dichiarazioni “social” del tecnico milanista, Stefano Pioli: “Gli ingredienti per una squadra forte? Società organizzata e compatta”.

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, è intervenuto in diretta su Instagram insieme all’ex campione di pallavolo, Pasquale Gravina, oggi holding manager di Gi Group Italia. “La società dev’essere forte, organizzata e compatta – ha dichiarato parlando dei segreti per avere un club forte – con un top management sempre pronto a trovare soluzioni e a non dare problemi. La squadra deve avere dei valori tecnici importanti e, soprattutto, di personalità. Vincono le squadre dove ci sono giocatori non facili da allenare, ma con grande personalità. Poi chiaramente serve un allenatore capace di gestire uno spogliatoio non semplice. Non credo che sia una sola di queste componenti a creare una mentalità vincente”.

Spalletti Stefano Pioli derby Milan Rangnick

Ovviamente, il calcio è cambiato tanto nel corso degli anni: “In questo periodo, con tutto il tempo che abbiamo a disposizione, stanno passando tantissime partite. Rivedendole, anche se non avevo dubbi, il calcio è veramente cambiato tantissimo. È cambiata la metodologia di lavoro e di preparazione alla partita, che è sicuramente più curata anche grazie alle tecnologie. Le strategie sono molto più approfondite e le squadre sono più preparate. È anche aumentata la velocità di gioco. Con il mio staff lavoriamo tanto con il pallone: gli spazi sono cambiati, adesso hai pochi istanti per leggere la situazione e interpretarla. Molto credo sia dovuto anche al fatto che noi allenatori abbiamo sempre voluto migliorarci e aggiornarci. La passione con la quale ti approcci al tuo lavoro credo sia determinante, così come la curiosità”.

Per quanto riguarda Ibrahimovic, il quale ha scelto di restare in Svezia fino a quando non ci sarà una data certa per la ripresa degli allenamenti in Italia, Stedano Pioli ha tagliato corto: “L’ho sentito, sta bene”.

TAG:
slider Stefano Pioli Zlatan Ibrahimovic

ultimo aggiornamento: 30-04-2020


Szoboszlai: “Milan? Se dovesse andare in porto, significa che era destino”

Bollettino Coronavirus: 205.463 casi totali, 27.967 morti, 75.945 guariti