Intervista all’allenatore rossonero, Stefano Pioli: “Il mercato di gennaio, con gli arrivi di Ibra, Kjaer e Saelemaekers, ci ha rafforzato”.

Anche Stefano Pioli – come Gazidis e Maldini – è rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di “The Athletic”. Ecco le parole del tecnico rossonero: “Il modello da imitare? Ho iniziato a seguire da vicino il Bayern da gennaio in poi. Ho detto ai miei assistenti che in questo momento è la squadra che gioca il miglior calcio d’Europa. È uno stile molto intenso e aggressivo. Tutte le squadre di un certo livello cercano di pressare in alto i loro avversari e offrono ai tifosi un calcio d’attacco con giocatori veloci e dotati. Questa è la direzione in cui stiamo andando”.

Il Milan di Pioli è cresciuto moltissimo negli ultimi mesi: “Dipende sicuramente dal lavoro che abbiamo fatto – ha affermato il mister – i giocatori hanno creduto di più  in sé stessi e nel lavoro che gli abbiamo proposto. Avevo anche bisogno di conoscerli e far capire loro quale sarebbe stata la nostra identità e filosofia. Lavorandoci giorno dopo giorno siamo stati in grado di raccogliere ciò che abbiamo seminato e siamo riusciti a ottenere ottimi risultati”.

Spalletti Stefano Pioli derby Milan Rangnick

Si parla anche del rinnovo del suo contratto, arrivato a sorpresa quando Rangnick sembrava ormai a un passo: “Il club è stato sempre leale con me. Gazidis è venuto al campo di allenamento più spesso che in passato e ha sempre mostrato la sua stima per me”.

Infine, una considerazione sulle mosse di mercato della società milanista: “La finestra di gennaio ci ha rafforzato con Ibra, Kjaer e Saelemaekers. In termini di leadership e carattere ci hanno dato una reale presenza in campo. Tutti questi fattori hanno aiutato la squadra a crescere in fiducia e convinzione. Il talento c’era già e siamo stati in grado di tirarlo fuori al momento giusto”. 

TAG:
Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 24-09-2020


Milan, la Uefa può rinviare la gara col Bodo se…

Crotone-Milan, arbitra Pairetto