L’attaccante rossonero, Pietro Pellegri, si presenta: “I tifosi da me devono aspettarsi voglia di lavorare e determinazione”.

Ecco le dichiarazioni rilasciate dal neo attaccante del Milan, Pietro Pellegri, nel corso della conferenza stampa di presentazione. “Anche se l’esperienza al Monaco non è stata fortunata, ora il futuro è in discesa. al Milan ho trovato una struttura dove c’è tutto e ho trovato un ambiente familiare. Giocare con Ibra e Giroud è un sogno. Sono venuto al Milan per imparare. La scelta del numero di maglia è per l’anno di nascita di mio padre. Arrivo qui con la voglia di riscattarmi e per ripagare la fiducia della società”.

Pietro Pellegri

“Conoscere Ibrahimovic è stata un’esperienza magnifica: da quando sono piccolo è il mio idolo e quando ieri gli ho dato il cinque è stato stupendo. Da un campione come Zlatan c’è tantissimo da imparare. L’esperienza al Monaco, anche se non è stata positiva, la rifarei: mi ha insegnato tanto ed è una esperienza che rifarei. Il mio obbiettivo è convincere il Milan a riscattarmi, voglio restare in questa grande società. Sono stato sfortunato, ma ora penso solo a cose positive. “Il Genoa è stata casa. Il Monaco è stata un’esperienza formativa dove sono cresciuto tanto. Il Milan è un sogno”.

“Il mister si aspetta determinazione e voglia di lavorare – ha affermato Pellegri -. Ho voglia di crescere, migliorare e di essere a disposizione del gruppo. Non mi sono prefissati degli obiettivi: scenderò in campo per dare il massimo e aiutare la squadra. Se giochi al massimo, i gol arrivano. I tifosi da me devono aspettarsi voglia di lavorare e determinazione. Giroud è un giocatore che ha vinto tantissimo, è un grande campione che mi può aiutare tantissimo: lo studierò in allenamento e imparerò tanto da lui”.

Milanello

ultimo aggiornamento: 26-08-2021


Anche il Psg osserva la situazione di Kessie

Milan, tutto su Adli: subito o a gennaio