Giuseppe Pecoraro, ex presidente della Procura Federale Figc, supporta le parole di accusa dichiarate da Commisso poco tempo fa.

L’ex presidente della Procura Federale Ficg Giuseppe Pecoraro non ha peli sulla lingua e supporta quanto detto da Rocco Commisso sulla situazione economica di Inter e Juve. Queste sono state le sua accuse ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “Commisso si lamentava del fatto che le squadre continuavano a comprare senza avere la liquidità come ad esempio l’operazione LocatelliJuventus e Inter stanno drogando il calcio, se non si possono pagare gli stipendi bisogna che ci sia l’intervento della procura. Secondo me si ha timore di affrontare le società e le grandi tifoserie. Il calcio ha bisogno di una rifondazione partendo dai diritti televisivi, non è possibile che alcune società falliscano e altre che si trovano nella stessa condizione rimangono sempre vive

palloni Serie A
palloni Serie A

Pecoraro poi ha continuato dicendo: “La giustizia sportiva può fare nulla non ci sono né regole né parametri. Se la Consob ritiene che la Juve abbia alterato il mercato, la giustizia sportiva ugualmente non può intervenire almeno che ci sia un illecito sportivo. Sulle plusvalenze della Juventus abbiamo dovuto aspettare la Consob, che interviene sulle società quotate in borsa, mentre per le altre intervengono le federazioni. Il problema delle plusvalenza non riguarda solo la Juve ma anche le altre squadre. Noi siamo intervenuti con Chievo e Cesena e sapete il destino che hanno avuto“.

Poi fa l’esempio del Napoli, che non ha questi problemi: “De Laurentis è convenuto non vendere nessuno. Se oggi il Napoli vendesse Ghoulam a 30 milioni ovviamente il dubbio mi viene e capisco che qualcosa non funziona come successe con la cessione di Sturaro da parte della Juve. La Consob non deve intervenire solo per le squadre quotate in borsa: non ci sono regole e parametri, ognuno fa quello che vuole“.

ultimo aggiornamento: 29-09-2021


Problemi al ginocchio per Florenzi: rischia l’intervento

Bonucci: “Sono tornato alla Juve perché a Milano ho perso un anno”