Tanto impegno ma nessuna giocata degna di nota: ancora una volta, Lucas Paquetà, autore di una prova decisamente opaca, non ha convinto.

Doveva riscattarsi, Lucas Paquetà, ma non è riuscito nel suo intento. È vero, l’espulsione di Rebic è stata una doccia fredda per tutti e ha costretto Stefano Pioli a rivedere i piani iniziali, ma il giovane brasiliano ha fatto comunque pochissimo per mettersi in mostra. Qualche buono spunto in mezzo al campo, tanto impegno, ma poi lunghe, lunghissime pause dal match. Fino alla sostituzione nel finale di gara. Insomma, un’altra prestazione anonima, senza lode né infamia.

Lucas Paqueta Milan

Ancora una volta, dunque, Paquetà non ha convinto. La posizione in campo non lo ha favorito (non è un esterno), ma il classe ’97 avrebbe comunque potuto giocare con un piglio diverso, osando di più. Perché il talento non gli manca, così come la capacità di tirare fuori dal cilindro giocate di ottima fattura. All’Allianz Stadium abbiamo visto un Paquetà molto europeo e decisamente poco brasiliano. Un giocatore pronto a battagliare ma povero di idee. Un’occasione sprecata, ma ce ne saranno altre. Perché Pioli sembra intenzionato a riproporre Lucas. Le partite a disposizione per convincere il Milan a trattenerlo, però, non sonio tantissime.

TAG:
Coppa Italia Juventus-Milan Lucas Paquetà slider

ultimo aggiornamento: 13-06-2020


Rebic, una leggerezza che non intacca la stima

Milan, quattro nomi per la difesa sul taccuino rossonero