Le parti si incontreranno per fare il punto della situazione. Ma siamo lontani da un accordo. Per arrivare alla costruzione del nuovo San Siro servirà altro tempo.

Continua a tenere banco la questione stadio. Domani è in programma un nuovo vertice tra i due club, ovvero Milan e Inter, e il Comune di Milano per proseguire il dialogo sull’argomento San Siro. Alla riunione non dovrebbero partecipare il presidente rossonero, Paolo Scaroni, e l’amministratore delegato interista Antonello, a conferma del fatto che le parti sono ancora molto distanti da un accordo.

Il nodo da sciogliere è sempre legato al vecchio Meazza. L’Amministrazione comunale, con in testa il sindaco Beppe Sala, ha ribadito l’intenzione di non demolire lo storico impianto milanese e di destinarlo ad altre funzioni e manifestazioni sportive o musicali. Gli advisor di Milan e Inter sono al lavoro da giorni per cercare una soluzione che possa soddisfare Palazzo Marino senza stravolgere le idee iniziali.

Stando a quanto riferito dal Corriere di Milano, al summit di domani non verranno presentati nuovi documenti. Anche perché l’ipotesi di avere due stadi vicini (San Siro e il nuovo impianto) non entusiasma i due club. Siamo in una fase di stallo, non sarà facile risolvere il rebus. Occhio al solito piano B: Milan e Inter potrebbero valutare di costruire lo stadio in un’altra diversa (come Sesto San Giovanni, ad esempio).


Donnarumma: “Vogliamo fare un grande risultato con l’Atalanta”

Milan, Ibra non sa se ritirarsi o continuare a giocare