Per Milan e Inter viene prima la salute: i due club sono pronti ad accettare qualunque soluzione arriverà dalla Federcalcio e dalla Lega Serie A.

Tra le ipotesi al vaglio dei vertici del calcio italiano c’è anche quella di riprendere il campionato senza partite al Nord. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Milan e Inter sono sono pronte a giocare anche fuori da Milano. Per i due club, infatti, la salute viene prima di tutto e quindi sono disponibili a giocare in uno stadio diverso da San Siro. Milan e Inter, dunque, accetteranno qualsiasi soluzione arriverà dalla Federcalcio e dalla Lega Serie A.

Nicchi Cellino Spadafora San Siro Milan Genoa CONI

Dell’argomento ha parlato Walter Ricciardi, membro del consiglio esecutivo Oms, consigliere del ministro Speranza per il Coronavirus e consulente del Coni: “L’Italia non è tutta uguale a livello di contagi – ha dichiarato ai microfoni di Radio Punto Nuovo – al Centro-Sud non c’è stata quell’esplosione terribile del Nord. La gente comunica, la gente viaggia, ma in alcune parti del Paese questo non si può ancora fare, ci sono paesi dove ci sono ancora 100 e più morti al giorno. Differenziare le aree per livello di rischio è giusto, stiamo proponendo di giocare al Centro-Sud, non ha senso vietare attività dove ci sono 0 casi come la Basilicata. La Campania ha reagito molto bene, tempestivamente, la popolazione ha compreso bene la situazione ed ha reagito in tempo, preoccupa un po’ di più la Puglia. La seconda e terza ondata possono risultare più pericolose della prima: non possiamo permettercelo”.

TAG:
Inter Serie A

ultimo aggiornamento: 17-04-2020


Nuovo San Siro, Milan e Inter portano avanti il progetto

Bollettino Coronavirus: 172.434 casi totali, 22.745 morti, 42.727 guariti