Intervista all’ex portiere rossonero, Nelson Dida, oggi nello staff tecnico di Pioli: “Gigio è molto legato alla squadra”.

Nelson Dida, attuale preparatore dei portieri del Milan, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, nel corso della quale, ovviamente, ha parlato anche di Donnarumma: “Gigio è un grande talento. È un ragazzo tranquillissimo, ma sente tanto la partita. Adora il Milan, è molto legato alla squadra e lo fa capire. Le sue urla? Un portiere deve ges”tire un reparto. Gigio urla e fa bene. Primo punto debole era appunto la comunicazione, ma lo ha superato. Stiamo lavorando su tanti aspetti, ma già da questo punto di vista Donnarumma è migliorato”.

“Un portiere non può concedersi debolezze – ha aggiunto il brasiliano – deve dirigere. Come si diventa efficaci sui rigori? Parando, parando. Bisogna allenarsi tutti i giorni e se capita anche in partita. Gigio è alto, ha una bella corporatura e tanti margini di miglioramento in tutti i fondamentali. È stato in campo per una sequenza di rigori infinita contro il Rio Ave, in Portogallo. Ecco, quelle sono le situazioni che ti fanno crescere”. 

Gianluigi Donnarumma
Nella foto: Gianluigi Donnarumma

Dida ha parlato anche della partita contro il Manchester United: “Il gol all’ultimo momento ci aiuta molto, l’1-0 non sarebbe stato facile da ribaltare. Loro recuperano giocatori, noi pure. Siamo fiduciosi. Quando Ibrahimovic tornerà sul dischetto? Ibra è Ibra. Quando se la sentirà prenderà il pallone, lo metterà sul dischetto e deciderà la partita. Anche per questo sono fiducioso. La forza di Kessie sui rigori è la tranquillità. Mi ha detto: voglio farti gol su rigore. Ho risposto che deve aspettare, prima mi devo allenare un po’, poi vediamo”. 

TAG:
Donnarumma Ibrahimovic Nelson Dida slider

ultimo aggiornamento: 17-03-2021


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Milan, Maldini: “I conflitti con la proprietà mi hanno cambiato”

Corriere dello Sport – Ibra raddoppia: “Il ritorno di Dio”