“Giorni tremendi, avevo vergogna pure a passeggiare per le strade”, ha dichiarato Moggi parlando dello scandalo Calciopoli.

L’ex dirigente della Juventus, Luciano Moggi, ha parlato di “Calciopoli” per un documentario di Netflix. Ecco le sue parole: “Avevo vergogna pure a passeggiare per le strade e in quel momento ho pensato a tante cose, anche al suicidio. È come se fossi stato in cima a un albero e tutti fossero pronti da sotto a sparare. I primi dieci giorni sono stati tremendi. “Televisioni, radio e giornali – ha aggiunto – ripetevano costantemente “scandalo nel calcio eccetera”, ma io non mi sono mai approfittato di niente e di nessuno. Essere tacciato da ladro mi ha fatto male. Devo dire che mi sentivo abbastanza abbattuto. Era come se mi fosse caduta addosso non una tegola, ma un’intera casa. Se nessuna partita è stata alterata, se tutti gli arbitri sono stati assolti, qual era il danno che era stato arrecato al calcio?”.

palloni Serie A

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


Giroud: “Grazie alla fede ho scelto di non firmare per l’Inter”

Il Milan non ha pace: Theo Hernandez positivo al Covid