“Non capisco come il Milan sia arrivato a questa situazione, il contratto andava rinnovato due stagioni fa, è l’Abc del calcio”, ha dichiarato Mirabelli.

Intervistato da “Libero”, l’ex direttore sportivo del Milan, Massimiliano Mirabelli, ha parlato del caso Donnarumma: “Se non rinnova – ha dichiarato – il Milan deve boicottare Raiola. Non capisco come il Milan sia arrivato a questa situazione. I tempi sono sbagliati, è assurdo trattare adesso. Il contratto andava rinnovato due stagioni fa, è l’Abc del calcio. I rossoneri hanno commesso un errore grave. Quando ho fatto rinnovare Gigio, ho curato la trattativa nei minimi dettagli. Il portiere pubblicava post sui social e poco dopo venivano tolti. Perché? Semplice, Raiola glieli faceva scrivere, io glieli facevo cancellare. Il momento decisivo della trattativa è stato l’atto finale. Eravamo con Gigio, la sua famiglia e i suoi agenti. Raiola si alza e dice: “Non firmare, ce ne andiamo”. Appena i manager escono, Gigio prende la biro e prolunga il contratto. Senza la presenza di Mino”.

Mino Raiola
Nella foto: Mino Raiola

“Raiola è stato bravo – ha aggiunto Mirabelli – ha già vinto arrivando a questa situazione. Ha il coltello dalla parte del manico, ma se fossi al Milan lo metterei con le spalle al muro. Gli farei un bel discorsetto, dicendogli che Gigio è un capitale intoccabile. O rinnova o il Milan non avrà più in rosa calciatori di Mino Raiola. Ci vuole coraggio, ma in questa situazione è l’unico modo. E il Milan deve farsi rispettare”.

TAG:
calciomercato Donnarumma Massimiliano Mirabelli Mino Raiola

ultimo aggiornamento: 07-04-2021


Mercato Milan: offerta da 20 milioni rifiutata per Amrabat

Nuovo San Siro, tutto fermo: Milan e Inter aspettano l’ok della Giunta