Ecco quanto dichiarato nel corso di una recente intervista da Van Basten.

Nel corso di un’intervista rilasciata a El Pais, Marco Van Basten ha parlato di alcuni dei momenti più difficili della sua vita e della sua carriera, raccolti nella sua autobiografia pubblicata in Italia con il titolo “Fragile”.

Emerson de Souza Scamacca Tassotti Kristoffer Ajer Gazidis Jeremy Toljan Zaracho Baresi Kakà Alexis Saelemaekers florentino luis Brescia-Milan Borini Adnan Januzaj Andrea Conti Wesley Fofana Asmir Begovic Bentaleb Ibrahimovic Rebic Lobotka Ibrahimovic Jovic Bennacer Todibo Leonardo Mariano Diaz Caldara Rafael Leao Casa Milan Camavinga Caldara Dani Olmo

A tal proposito ha dichiarato: “La mia vita era giocare a calcio. E all’improvviso, dopo un’operazione che sembrava semplice, dovetti ritirarmi. Non era solo molto difficile accettare che non avrei giocato, è stato difficile andare avanti con la mia vita. Non solo non potevo giocare, la mia caviglia non mi permetteva di camminare o fare nulla. Sono stati anni molto duri. Sono stato fortunato che un medico abbia avuto l’idea di bloccare la mia articolazione saldandomi le ossa. Non potevo più flettere la caviglia, né potevo correre di nuovo, ma ero in grado di iniziare una nuova vita senza dolore. Gioco a golf e anche a squash, il che mi rende felice”.

TAG:
Marco Van Basten

ultimo aggiornamento: 15-03-2021


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Milan, Kjaer convocato dalla Danimarca

Portogallo Under 21, convocati Dalot e Leao