Dodici partite per provare a ottenere la qualificazione in Europa League. Il Milan non può permettersi passi falsi ed è obbligato a battere il Lecce.

Tutto in quaranta giorni. Sfumata la possibilità di arrivarci attraverso la Coppa Italia, il Milan ora può sperare solo nel campionato per ottenere una qualificazione alla prossima edizione dell’Europa League. Come riporta il Corriere della Sera, per i rossoneri è il momento della verità. Le avversarie sono agguerrite, anche se non di primissima fascia. Ma beffare il Milan è ovviamente il sogno di Hellas Verona e Parma (occhio anche al Bologna dell’ex Mihajlovic). 

Castillejo Milan-Juventus Stefano Pioli Milan derby

Se per questi club l’Europa League sarebbe la ciliegina sulla torta, per il Milan non arrivarci sarebbe un fallimento. Per questo la società si aspetta un segnale forte già stasera a Lecce. Romagnoli e compagni dovranno vincere a tutti i costi, Perché il tempo a disposizione è davvero poco per permettersi dei passi falsi: “Dobbiamo rincorrere – ha dichiarato Stefano Pioli in conferenza stampa alla vigilia del match – e dobbiamo farlo bene e il prima possibile. Domani riprendere con una vittoria sarà molto importante perché in quaranta giorni ci giochiamo tutto. Abbiamo rimpianti per la Coppa Italia, soprattutto per la partita d’andata. Un po’ per demerito nostro e un po’ per certe decisioni”.

TAG:
Europa League slider

ultimo aggiornamento: 22-06-2020


Milan, Pioli riparte dalle certezze: formazione fatta

Milan, Bakayoko lancia l’ennesimo segnale