Rossoneri a caccia di talenti: gli uomini di mercato del Milan hanno messo gli occhi sul centrocampista Tonali e sull’attaccante Scamacca.

Giovani e di talento. Meglio se italiani. Il Milan va avanti con la linea verde e punta due profili “made in Italy”. Come riporta MilanNews.it, gli uomini di mercato di via Aldo Rossi, in vista della prossima campagna acquisti, stanno monitorando con un certo interesse il centrocampista del Brescia, Sandro Tonali, e l’attaccante Gianluca Scamacca, quest’ultimo attualmente in forza all’Ascoli ma di proprietà del Sassuolo.

Baresi Boateng Kakà Donadoni Shevchenko Fabio Capello Lega Serie A Van Basten Pobega Braida Thiago Silva Matteo Gabbia Milan-Torino Lucas Biglia Braida Inter-Milan Berlusconi Daniel Maldini Musacchio Berlusconi Matías Viña Kobe Bryant Florentino Luis Bennacer Matty Cash Antonee Robinson Caldara Scamacca Becir Omeragic Atalanta-Milan Rebic serginho Paquetà Castrovilli Milan-Sassuolo Caldara Milanello tifosi Milan Ricardo Rodriguez Todibo Xhaka Paquetà maglia Milan Ibrahimovic

Tonali non ha mai nascosto la sua fede milanista, un dettaglio da non sottovalutare e che potrebbe rivelarsi utile nel caso in cui la trattativa dovesse entrare nel vivo. Il giovane playmaker è finito nel mirino delle grandi e non sarà semplice riuscire a spuntarla. Il patron Massimo Cellino, inoltre, è intenzionato a monetizzare il più possibile dalla cessione del suo gioiello più luminoso e ha già sparato alto. Ma il Milan c’è e nei prossimi mesi potrebbe andare all’assalto.

I rossoneri potrebbero presto bussare anche alla porta del Sassuolo per chiedere ufficialmente Gianluca Scamacca, centravanti classe ’99 che sta facendo ottime cose in Serie B con la maglia dell’Ascoli. Sulle tracce del ragazzo ci sono anche Napoli e Benfica, con i portoghesi che hanno già offerto 10 milioni per il suo cartellino, proposta ovviamente rispedita al mittente dal Sassuolo.

TAG:
calciomercato Gianluca Scamacca Sandro Tonali

ultimo aggiornamento: 09-04-2020


Bollettino Coronavirus: 143.626 casi totali, 18.279 morti, 28.470 guariti

Cuore o testa? Il milanista Donnarumma riflette