Nel corso di una recente intervista il calciatore rossonero, Sandro Tonali, ha parlato dello stato di forma del Milan.

Nel corso di una recente intervista rilasciata a Sky Sport, Sandro Tonali ha parlato dello stato di forma del Milan.

Casa Milan
Casa Milan

A tal proposito ha dichiarato: “L’inizio non è stato semplice, perché arrivavo da un mese praticamente fermo dopo la vacanza. È stato difficile riprendere a giocare in un nuovo club, c’è voluto un po’ di tempo, il primo mese di ambientamento. Poi una volta che conosci i ritmi, i compagni, il mister e lo staff è semplice andare avanti in un gruppo del genere”.

Alla domanda se vive più il Milan da Sandro e quindi da tifoso o da Tonali, quindi da calciatore, ha risposto: “La vivo più da Tonali, perché son cresciuto. Il Sandro va lasciato leggermente da parte, per la mia carriera. Sicuramente ce l’ho sempre dentro di me, però adesso sono un giocatore del Milan e ho la testa solo per il Milan da giocatore. Sono due cose abbastanza differenti. Giocare è la mia passione, in più gioco per la mia squadra del cuore. Vanno distinte, ma tenute in considerazione, perché è la squadra che ho dentro di me da tutta la mia vita”.

Soffermandosi su Pioli ha aggiunto: “È il nostro capogruppo. È la prima persona che ci sta facendo vedere la strada giusta e noi lo stiamo seguendo tutti quanti insieme. Puoi restare anche ore a parlare con il mister, ti può spiegare tutto, dai tempi di gioco al nostro modo di giocare. Lui è aperto con noi e siamo felici di avere un mister del genere”.

Ha quindi proseguito: “Quando giochi così più che una rinascita è una nascita, perché un Milan così era tanto tempo che nessuno lo vedeva. Fa piacere essere dentro a questo Milan, vincere e convincere. I numeri sono incredibili, non perdiamo da marzo ed è tanta roba in Serie A. Il Milan è speciale, perché al Milan non puoi trovarti male. Nessun giocatore, forse, si è mai trovato male in questa società. È diverso, perché le persone che ti seguono sono tutte persone umili”.

Per poi aggiungere: “L’ambizione non cresce sempre di più, perché è alta. È normale che dopo tanti risultati così credi che possa arrivare a determinati obiettivi, quindi ti avvicini sempre di più. Poi sai che puoi fare tutto, con compagni simili. Sai che puoi arrivare a qualsiasi obiettivo, ma sai anche che non puoi metterti in testa degli obiettivi, perché li puoi stravolgere. Come quello di non perdere, che sta diventando un obiettivo che deve durare per il più lungo tempo possibile”.

Se il Milan sta tornando ai fasti di un tempo: “Non stiamo tornando il Milan di una volta, però stiamo dimostrando di essere il Milan”.

Sulla lettera a Santa Lucia: “La lettera sicuramente la farò come ogni anno. La dovrei già fare adesso, in questi giorni. Quello che scrivo non lo so, ma Santa Lucia mi ha già ascoltato. Mi ha dato tutto il Milan, quindi quest’anno non pretendo tanto da lei”.

La redazione di Notizie Milan - giovane, dinamica e indipendente - vive il mondo rossonero 24 ore su 24.
Una passione a 360°, che si fa professione per raccontare in modo libero e scrupoloso le vicende del Diavolo.
Dalle news al calciomercato, dalle partite ai social, da Milanello a San Siro: la nostra missione è tenervi sempre aggiornati.
Perché Notizie Milan c’è, sempre e comunque, che si vinca o che si perda. Per i nostri lettori, per noi che amiamo questi colori.

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Notizie Milan su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per scaricare la nostra APP

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 08-12-2020


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Verso Sparta-Milan: Pioli sfrutta il turnover

Sampdoria, Ferrero: “Nella sfida contro il Milan errori dell’arbitro contro di noi”