Verona a meno uno e calendario in salita: il Milan dovrà dare il massimo nei prossimi impegni contro Lazio, Juventus e Napoli.

Il punto ottenuto in extremis sul campo della SPAL consente al Milan di rimanere al settimo posto in classifica, quindi in piena zona Europa League. Ma la strada ora si fa in salita. Perché l’Hellas Verona, battendo il Parma, si è portato a meno uno. E i rossoneri, nelle prossime giornate di campionato, dovranno affrontare – nell’ordine – Lazio, Juventus e Napoli, con due gare su tre in trasferta. Insomma, una vera e propria montagna da scalare.

Myron Boadu Serie A Milik Scaroni Fabio Capello AIA Mirabelli Bennacer Galliani Daniel Friedkin Alexis Saelemaekers Raiola Florentino Luis Dani Olmo Paquetà Emirates Ghiglione Wesley Fofana Ralf Rangnick Giovanni Sartori Todibo Boban Rivera Casa Milan Andraz Sporar

Sarebbe stato meglio – molto meglio! – arrivare a questo trittico terribile con un’altra vittoria (dopo quelle convincenti contro Lecce e Roma), ma a Ferrara le cose non sono andate per il verso giusto. Ora la strada che porta in Europa si fa in salita, ma il destino resta comunque nelle mani, o meglio, nei piedi di Romagnoli e compagni. Certo, non sarà facile (il calendario del Verona nelle prossime gara è decisamente più abbordabile), ma Pioli si aspetta una reazione immediata. La squadra, nonostante la serataccia, ha messo in campo orgoglio e voglia di non mollare, atteggiamento che fa ben sperare il tecnico rossonero.

TAG:
Europa Spal-Milan

ultimo aggiornamento: 02-07-2020


Bollettino Coronavirus: 240.961 casi totali, 34.818 morti, 191.083 guariti

Milan, Rangnick vuole Szoboszlai: ma bisogna fare i conti col Napoli