Lo spagnolo ha una clausola rescissoria da 40 milioni di euro, ma i rossoneri si accontenterebbero di 25 milioni. Il problema, però, è che nessun club sembra interessato a Suso.

A Casa Milan è tempo di saldi, ma questo non sembra attirare potenziali acquirenti. Tra i giocatori in vetrina c’è Suso, finito ai margini del progetto di Stefano Pioli. “Si sta allenando bene, è a disposizione”, ha assicurato il tecnico rossonero alla vigilia di Brescia-Milan, ma difficilmente l’esterno spagnolo troverà spazio dal primo minuto. Nei giorni scorsi, il giocatore si è recato nella sede rossonera di via Aldo Rossi per esternare ai dirigenti tutto il suo malcontento.

Suso Milan-Spal

Il classe ’93 può partire, ma serve una squadra disposta a spendere per lui. Il Milan è disposto ad applicare uno sconto sui 40 milioni di euro previsti dalla clausola rescissoria (valida solo per l’estero). Il problema, però, è che le pretendenti scarseggiano. Come riporta La Gazzetta dello Sport, il club rossonero lo ha prelevato a costo zero (qualsiasi cifra, dunque, garantirà una plusvalenza) ma non ha intenzione di svenderlo: l’obiettivo è incassare almeno 25 milioni. Suso sta attraversando uno dei periodi più complicati della sua carriera: in pochi mesi lo spagnolo ha perso Nazionale e Milan.

calciomercato

ultimo aggiornamento: 23-01-2020


Milan, ipotesi di scambio tra Piatek e De Paul

Mirabelli: “Ibra al Milan? Contrario all’arrivo di giocatori di 38-39 anni”