Rangnick è una pista complicata, mentre Stefano Pioli è ancora in corsa. Il Milan rimanda la decisione e nel frattempo continua a riflettere.

I vertici del Milan stanno programmando la prossima stagione, ma l’emergenza Coronavirus ha inevitabilmente rallentato i lavori. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, ad esempio, i dirigenti rossoneri avrebbero deciso di rinviare di qualche mese la decisione sull’allenatore.

Ralf Rangnick
Nella foto: Ralf Rangnick

Il Milan è alla ricerca di un “costruttore”, ovvero di un tecnico che ha già dimostrato in carriera di saper prendere un progetto e farlo crescere. Uno come Ralf Rangnick, tanto per intenderci, che rimane la prima scelta dei vertici di via Aldo Rossi. Ma l’approdo a Milanello del manager tedesco è piuttosto complicato. Per tanti motivi, compreso il fatto che è legato da un contratto fino al 2021 (non facile da sciogliere) con il gruppo Red Bull.

Insomma, nulla è stato ancora deciso. Stefano Pioli, apprezzato da tutti, è in corsa e può restare sulla panchina milanista. Se ripartirà il campionato e la squadra farà bene, il mister emiliano può essere confermato. Basta con gli esperimenti: il Milan sa di non poter più sbagliare. Rangnick, come detto, resta in cima ai desideri, ma la strada che porta al tedesco è in salita.

TAG:
Ralf Rangnick Stefano Pioli

ultimo aggiornamento: 07-04-2020


Taglio stipendi, ecco quanto risparmierebbe il Milan

Thiago Silva al Milan, affare possibile